La quindicesima edizione del premio organizzato da Fermento Birra che ogni anno riconosce il miglior produttore italiano di birra dell’anno appena passato, ha visto premiare Enrico Ciani, birraio degli impianti di Birra dell’Eremo.

Un premio quello di birraio dell’anno che vuole riconoscere la costanza qualitativa di un birrificio nel corso dei 12 mesi secondo una giuria di esperti qualificati. Protagonista di questo ambizioso premio è Enrico Ciani eletto Birraio dell’Anno 2023, responsabile degli impianti del birrificio Birra dell’Eremo a Capodacqua, frazione di Assisi sulle prime pendici del monte Subasio, dove tra storia e spiritualità, nel 2012 si manifesta la vocazione per la birra artigianale di Enrico Ciani e Geltrude Salvatori Franchi, che affianca il marito occupandosi del lato commerciale. 

Enrico nel tempo si è dimostrato un produttore eclettico, curioso e insaziabile nel ricercare nuove ispirazioni: partito stilisticamente dall’Inghilterra e dal Belgio con le prime bottiglie come la golden ale Nobile, la blanche Saggia o la tripel Fuoco, si è poi diretto con sicurezza verso le latitudini statunitensi dove ha realizzato esplosive e nitide declinazioni di IPA come la tropicaleggiante Tuca, succosissima NEIPA, o le profumatissime DDH Fiji e Yaki. Un viaggio brassicolo proseguito nel quadrante tedesco con compagne di bevute come la Zoe, pils, e Blaz, keller, e approdato al mondo sour, grazie soprattutto alla citata ricerca sui lieviti, ne è un esempio la Ma2 realizzata con un ceppo che ha la caratteristica di produrre acido lattico a cui viene aggiunto il passion fruit.

LEGGI ANCHE: Concorso Birra dell’Anno 2023 – Le considerazioni di Marco Tripisciano (mondobirra.org)

Secondo posto per Marco Valeriani di Alder (unico birraio vincitore di tre titoli, nel 2022, nel 2018 e nel 2016), sul gradino più basso del podio Giovanni Faenza di Ritual Lab (vincitore nel 2020). Nella categoria Birraio Emergente, il premio è andato a Mattia Bonardi di Nama Brewing, birrificio di Treviglio (BG). A stilare la lista dei 20 migliori birrifici, nominati per ambire al premio finale, sono stati un centinaio di esperti del settore (giornalisti, publican, degustatori, operatori del settore), una platea in grado di garantire una profonda conoscenza del panorama brassicolo artigianale italiano. QUI la classifica completa.

© Riproduzione riservata