Francesco Mazzei Presidente Associazione Altra Toscana

L’ultima giornata delle Anteprime Toscane è dedicata a 350 etichette di numerose denominazioni.

Vari Consorzi di Tutela aderiscono all’Associazione L’Altra Toscana che a Palazzo Affari, a Firenze, ha visto ben diciotto Denominazioni che hanno portato in degustazione le loro nuove annate: oltre 350 etichette che raccontano sfaccettature diverse, e forse meno conosciute, della Toscana enologica. L’altra Toscana racconta una regione del vino diversa con cinque percorsi degustativi, I Bianchi, Il Sangiovese, Gli Altri Autoctoni, I Blend di Sangiovese, Gli Internazionali, dove in ognuna sono rappresentate tutte le denominazioni in base al proprio disciplinare di produzione.

L’Associazione L’Altra Toscana, ad oggi, rappresenta ben il 40% dell’imbottigliato regionale“, spiega Francesco Mazzei alla guida dell’Associazione e presidente del Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana, capofila del progetto. “Siamo entusiasti di vedere tanto interesse, da parte della stampa e degli operatori del settore, nei confronti di un’iniziativa che abbiamo fortemente voluto, consci di poter arricchire, con le innumerevoli varietà e diversità che ci caratterizzano e con punte di qualità sempre più alte, la proposta enologica regionale.
Speriamo che questa ultima giornata, che va a chiudere una settimana intensa in cui la grande Toscana enologica è stata protagonista, consenta ai nostri interlocutori -dalla stampa ai numerosi sommelier, ristoratori e enotecari, che sono venuti a trovarci – di portare a casa nuovi spunti e suggestioni da mettere nei calici”, conclude Mazzei soddisfatto del lavoro di squadra che vi è dietro a questa giornata.

Tra I Bianchi, il focus sul Vermentino ha messo in luce qualità decisamente in ascesa solare e salino. E’ affascinante il Sangiovese in alcune denominazioni, nella Montecucco di ottima espessione, in Val d’Orcia alcuni campioni poi sono davvero fantastici. Apprezzabili i campioni Suvereto, dal gusto più internazionale ma legati ai venti salmastri. La Docg Carmignano blend di Sangiovese e Cabernet , ovvero la storica uva Francesca importata da Caterina de’ Medici dona vini sono profondi, ricchi, eleganti, con grandi potenzialità evolutive. I Syrah della Doc Cortona sono ricchi di frutto e spezie.

 

© Riproduzione riservata