Categorie: Territori

La Doc Mamertino, nuova e versatile ma dal passato antico, si racconta a Fiumendinisi

Un grande evento quello avvenuto a Fiumendinisi, in provincia di Messina, che ha messo in luce la versatilità e la preziosità della Doc messinese Mamertino.

La XXI edizione della Sagra “Capricci d’autunno” si è conclusa nella serata di domenica 5 novembre celebrando una delle tre Doc messinesi, il Mamertino, che abbraccia moltissimi Comuni della provincia, in larga parte siti principalmente sul versante tirrenico in quegli areali che comprendono la Valle del Tindari, la Valle del Mela e l’areale milazzese, ma anche alcuni della fascia ionica.

Alla presenza del sindaco Giovanni De Luca, dei deputati del parlamento siciliano Pippo Lombardo e Cateno De Luca e del perito agrario Domenico Cascio, il sommelier professionista e delegato della sezione AIS di Taormina Gioele Micali ha condotto due diverse masterclass/degustazioni, una riservata a nove vini bianchi e l’altra a otto vini rossi, tutti Mamertino Doc.

La vasta platea che ha affollato i locali della Scuola degli Antichi Mestieri, location dell’evento giunto alla seconda edizione, ha potuto altresì beneficiare delle testimonianze e delle esperienze in vigna raccontate dai numerosi produttori presenti che hanno messo a disposizione i propri vini per la riuscita dell’iniziativa; così come il pizzaiolo del luogo, Giovanni Famà, per ben due anni presente nel ristretto novero dei pizzaioli di Casa Sanremo, che ha dato vita, mettendole a disposizione degli astanti, due nuove pizze dall’inedito mix di ingredienti, denominate rispettivamente “Capriccio” ed “Autunno”, abbinate ai vini in degustazione.

LEGGI ANCHE: Nasce il Consorzio DOC Mamertino: una nuova visione per programmare il futuro

Fiumendinisi

L’evento, patrocinato dal Comune di Fiumedinisi, è stato organizzato da AIS, sezione di Taormina, la quale si sta impegnando oltremodo per la valorizzazione delle Doc messinesi (fra la prima e la seconda edizione delle masterclass sul Mamertino c’è stata a marzo scorso la prima edizione del MeDoc che verteva su tutte e tre le Doc messinesi). Il merito dell’iniziativa è anche da tributare all’encomiabile squadra di servizio dei sommeliers ed al prezioso coordinamento del consigliere regionale di Ais Sicilia nonché responsabile eventi della delegazione taorminese Gianluca La Limina.

Un plauso va altresì al Consorzio di tutela del Mamertino Doc, guidato dalla presidente Arch. Flora Mondello, che fin dal 2019 con impegno e con obiettivi ben definiti, sta valorizzando quella che è diventata una realtà sempre più consistente e di pregio e che può contare su 100 ettari di terreno per una produzione di 690,3 ettolitri di vino in un territorio unico che, grazie all’impegno di produttori e vignaioli locali, cresce sempre di più.

© Riproduzione riservata

Notizie recenti

Pietro Russo, Master of Wine: “Il Grillo è il vino più “caleidoscopio” che esista in Sicilia”

Successo per il grillo, vitigno principe “identitario” della produzione vitivinicola siciliana che dai 2000 ettari…

9 ore fa

Antonio Rallo, Doc Sicilia: “In Sicilia ci sono più di 70 vitigni autoctoni, molti abbandonati”

Il profondo legame fra la Sicilia e la viticoltura ha il pregio di poter contare…

9 ore fa

Vitrarolo, il ritorno di un vitigno reliquia per il futuro dell’enologia siciliana

Presentate al Vinitaly le prime bottiglie da Vitrarolo, vinificate in territorio di Marsala, vitigno resistente…

9 ore fa

Anna Roscio, Intesa Sanpaolo: “Già erogati 9 miliardi di euro per le aziende italiane”

L’Agroalimentare è un settore centrale per l’economia del nostro Paese e Intesa Sanpaolo ha creato…

9 ore fa

Trend dealcolati, l’Italia vorrebbe sfidare la produzione per conquistare un nuovo mercato

Il mercato dei vini dealcolati ("nolo") negli stati uniti è in forte crescita, con un…

15 ore fa

Medaglia d’argento per Brezza Riva Riserva al Vinitaly Design Award

Lo spumante Metodo Classico – Trentodoc di Agraria Riva del Garda ha trionfato all’ultima edizione…

15 ore fa