Cantine Aperte a San Martino 2023

Le esperienze in cantina sono influenzate da fattori che vanno oltre ciò che si versa nel bicchiere. Questo il risultato che emerge da una ricerca condotta da Annamma Joy dell’Università della British Columbia.

Una nuova ricerca del campus Okanagan dell’Università della British Columbia (Canada) ha stabilito che godersi una degustazione in un’azienda vinicola va ben oltre il sorso.

La professoressa Annamma Joy conduce ricerche nell’area del comportamento dei consumatori e del branding con particolare attenzione ai marchi di lusso, alle esperienze dei marchi di moda, alle cantine e all’enoturismo. La dottoressa Joy, insieme ai suoi collaboratori e studenti, ha studiato diverse cantine di Okanagan per un periodo di tre anni per documentare in modo completo le esperienze dei visitatori. Ogni anno, le cantine in BC accolgono più di un milione di persone e l’ultima ricerca della Dottoressa Joy, pubblicata questo mese sul Journal of Retailing, conferma che le persone giudicano più di ciò che è nel bicchiere.

LEGGI ANCHE: Il nuovo identikit dell’enoturista, attento conoscitore dei territori d’eccellenza

Hill Country Wine Cave

Ai fini dello studio, i ricercatori hanno dettagliato una serie di elementi tra cui le caratteristiche materiali della cantina e il tema sensoriale, come la musica e l’illuminazione. Hanno preso nota di tutto compreso il paesaggio, l’architettura, le viste dalle finestre, la disposizione dei wine shop e lo spazio fisico delle degustazioni. Anche l’interazione sociale tra personale e clienti è stata considerata. Ciascuno di questi elementi è percepito soggettivamente e collabora alla co-creazione di “atmosfere affettive” che sono fondamentali per il successo di un’azienda vinicola. I ricercatori confermano che non solo l’esperienza è influenzata dall’estetica della cantina, dal servizio ricevuto e dal vino stesso, ma anche dalle differenze tra novizi, esperti e appassionati.

La Dott.ssa Joy spiega che i risultati dell’indagine hanno implicazioni per gli operatori delle cantine quando considerano l’esperienza desiderata dal consumatore. Ad esempio, i visitatori con un alto livello di esperienza possono considerare più importanti per la visita la stimolazione sensoriale e le interazioni sociali con altri esperti. Gli esiti della ricerca suggeriscono l’importanza di un approccio olistico per raggiungere la coerenza tra caratteristiche materiali, modalità sensoriali e interazioni sociali di un’azienda vinicola. Le persone desiderano una connessione per migliorare la loro esperienza e le aziende vinicole hanno bisogno di personale aziendale preparato a rispondere e a improvvisare secondo necessità per rafforzare tale connessione con i clienti.

© Riproduzione riservata