“Piccolo è bello” ha coinvolto sabato 27 Agosto a Randazzo (CT), nella storica tenuta di Feudo Vagliasindi, circa 50 piccole realtà produttive dell’Etna.

La manifestazione curata da Agata Arancio ha fatto il focus sui “Rossi” del Vulcano, permettendo la scoperta di interessanti piccoli vignaioli attraverso le loro produzioni e i loro racconti di vigna.
L’Etna ed i suoi vini, figli della lava, hanno indubbiamente un gran fascino, qui le eruzioni nel corso del tempo hanno creato un paesaggio scosceso ed aspro, nei terrazzamenti costituiti da pietra lavica si trovano vecchie viti contorte o nuove più lineari, allevate tra pietre e sabbie riescono a donare vini unici, spesso austeri, nei quali acidità e tannini giocano un ruolo importante.

In questi luoghi, il calore giornaliero in periodo pre-vendemmiale lascia il posto al freddo notturno della montagna con grandi escursioni termiche. I rossi etnei prendono vita da nerello mascalese, in qualche caso con percentuali di nerello cappuccio, e sempre più, in bottiglia si trovano le diverse Contrade o le singole vigne.

Da una dozzina di anni il vulcano è “esploso”, una sorta di presa di coscienza delle potenzialità di un terroir unico e sono sorti tanti piccoli nuovi produttori. In questo tasting, tante le nuove etichette che contribuiscono a comporre ancor di più il mosaico del territorio etneo mettendo a fuoco differenti caratteristiche dei suoli, altitudini ed esposizioni.

Tra i tanti vini interessanti assaggiati, vi segnalo alcuni assoluti esordienti ed altri che hanno già iniziato il percorso da qualche anno.

Duo Etna Rosso 2020 Mecori, nasce da uve nerello mascalese e nerello cappuccio da piante di circa 80 anni coltivate nel versante nord quota a 700 m.s.l.m. in Contrada Muganazzi. Ha naso accattivante floreale di rosa e viola, di frutta rossa fresca, spezie ed erbette, bello da bere tra freschezza, tannino godibile e lunga persistenza.

Cantonè 2020 Le due Tenute, le vigne si trovano a Biancavilla fuori dalla Doc, da 80% nerello mascalese e 20% nerello cappuccio, dall’olfatto floreale e fruttato fresco, poi intriganti note speziate piccanti e dolci, sorso dal tannino levigato e beverino.

Rosso del Patrimonio 2020 Licciardello, da uve nerello mascalese allevate in Contrada Allegracore a Randazzo, è affinato in barriques usate per 10 mesi. Floreale e fruttato al naso ed al sorso, poi speziatura, acidità calibrata, tannino presente e piacevole, sorso pieno e lungo

Martinella Etna Rosso 2020 Aitala, le vigne di nerello mascalese 95% e nerello cappuccio 5% si trovano in Contrada Martinella a Linguaglossa, è affinato in tonneaux. L’impianto olfattivo mostra sentori di rosa rossa, frutti di bosco sotto spirito, belle note minerali e lieve tostatura. Assaggio gradevole con freschezza, tannicità e persistenza fruttata.

Acchiana 2019 Nuzzella, da nerello mascalese, è un’anteprima in uscita il prossimo ottobre, compie un passaggio in legno rovere di grandi dimensioni. Piacevole al naso con rosa rossa, ciliegie, prugne, erbe aromatiche e spezie, all’assaggio ha precisi freschi ritorni fruttati, bel tannino e note minerali.

Etna Rosso 2019 Cannavò, da uve nerello mascalese con piccole percentuali di cappuccio allevate a 700 mt. s.l.m. in Contrada Porcheria a Passopisciaro, elevato in barriques di rovere per 16 mesi. Dal bicchiere olfatto di frutti rossi polposi, note speziate e vanigliate, sorso teso dal vivo tannino e dal bel finale lungo.

Etna Rosso 2019 Tenuta Bocca Rossa, nasce a 750 mt. s.l.m. da uve nerello mascalese provenienti da un antico vigneto tra Passopisciaro e Randazzo in Contrada Arena, è affinato in barriques usate e poi in acciaio per circa 15 mesi. Vino di gran bevibilità caratterizzata da freschezza olfattiva e gustativa, dal bel tannino e calibrata sapidità in chiusura.

Nerello Cappuccio Tenuta Stagliata 2019 Agata Santangelo, naso fresco su toni fruttati speziati ed erbacei, bella la bocca vibrante di freschezza, di dotazione tannica e verticalità.

Nerello 2017 Etna Rosso Conte Uvaggio, piacevole il naso pieno di frutto e spezie, bocca saporita e fruttata, tesa con lunga scia frutto sapida. Semplice ma efficace.

Etna Rosso Riserva 2017 Feudo Vagliasindi, energetico naso ricco di fiori rossi macerati, fruttato di ciliegie, ribes, rabarbaro, ginger, note terrose e tabacco dolce. Assaggio di buon tannino e allunghi frutto\sapidi.

Filici Etna Rosso 2015 Nicola Gumina, nasce nel comune di Castiglione di Sicilia in Contrada Piano Filici, affinato un anno in tonneaux, ha olfatto dal bel frutto maturo e di spezie dolci, bocca piacevole e pulita dalla particolare trama gustativa, lunga chiusura.

Muscamento Etna Rosso 2012 Fischetti, poliedrico al naso, rosa rossa macerata, ciliegia, ribes, humus, sottobosco, note terrose e spezie aromatiche. Sorso dinamico con frutti, pepe e resina, tannino levigato ed una bella matrice sapida in lunghezza.

© Riproduzione riservata