Categorie: Territori

Un anno importante per Valcalepio all’insegna della viti-cultura

Un 2024 importante per tutta la zona del Valcalepio che grazie al Consorzio sarà come sempre all’insegna della viticoltura e del rispetto del territorio.

“Nessuno stravolgimento rispetto al passato – commenta il Presidente Marco Locatelli – bensì una sempre maggior volontà di sottolineare le fondamentale importanza dell’universo vigneto all’interno del mondo Vino. Perché è si importante la bottiglia, l’aspetto, l’etichetta, la comunicazione ma è assolutamente di primaria importanza il vino. E il vino si costruisce in vigna”.

Il Consorzio Tutela Valcalepio ha sempre posto grande attenzione al vigneto. Già 20 anni fa veniva distribuita sul territorio una serie di centraline meteo in grado di fornire i dati di temperatura, umidità e piovosità in tutta la zona del Valcalepio.

Questo è un aspetto importante”ricorda l’enologo Sergio Cantoni, membro del Comitato Tecnico consortileperché Valcalepio è una zona poco profonda ma molto lunga e questo origina notevoli variabilità in questi dati. Proprio per sostenere i produttori nella corretta lettura dei dati delle centraline e per rispondere alle domande dei produttori, il Consorzio ha messo a disposizione dei produttori un’assistenza agricola consortile“.

LEGGI ANCHE: Consorzio Tutela Valcalepio si rinnova con nuovi obiettivi e cariche amministrative

Un agronomo a disposizione dei produttori, quindi, che, utilizzando i dati delle centraline, compila un bollettino settimanale che fornisce alle aziende  consigli sulle lavorazioni e sui trattamenti da effettuare. Sempre proseguendo su quello che è un percorso di ventennale attenzione al vigneto, il Consorzio Tutela Valcalepio ha messo in campo un ulteriore supporto alle aziende: un corso di potatura e di micro chirurgia per migliorare l’approccio delle aziende alle problematiche produttive e alle malattie del legno (mal dell’Esca, Flavescenza).

“Il corso, organizzato dal Consorzio e affidato alla società UvaSapiens – ha precisato il presidente Locatelli – è aperto a tutti i produttori della Valcalepio, soci e non soci del Consorzio proprio nell’ottica di lavorare per il meglio del nostro territorio e della nostra produzione enologica“. Per dare ancora una maggior rilevanza a questa sempre rinnovata attenzione consortile, il progetto di comunicazione che vedrà impegnato il Consorzio Tutela Valcalepio nel 2024 sarà incentrato proprio sulla viti-cultura e sulla divulgazione enologica con post e approfondimenti dedicati alle pratiche e alle tecniche legate al vigneto.

© Riproduzione riservata

Notizie recenti

Pietro Russo, Master of Wine: “Il Grillo è il vino più “caleidoscopio” che esista in Sicilia”

Successo per il grillo, vitigno principe “identitario” della produzione vitivinicola siciliana che dai 2000 ettari…

19 ore fa

Antonio Rallo, Doc Sicilia: “In Sicilia ci sono più di 70 vitigni autoctoni, molti abbandonati”

Il profondo legame fra la Sicilia e la viticoltura ha il pregio di poter contare…

19 ore fa

Vitrarolo, il ritorno di un vitigno reliquia per il futuro dell’enologia siciliana

Presentate al Vinitaly le prime bottiglie da Vitrarolo, vinificate in territorio di Marsala, vitigno resistente…

19 ore fa

Anna Roscio, Intesa Sanpaolo: “Già erogati 9 miliardi di euro per le aziende italiane”

L’Agroalimentare è un settore centrale per l’economia del nostro Paese e Intesa Sanpaolo ha creato…

19 ore fa

Trend dealcolati, l’Italia vorrebbe sfidare la produzione per conquistare un nuovo mercato

Il mercato dei vini dealcolati ("nolo") negli stati uniti è in forte crescita, con un…

1 giorno fa

Medaglia d’argento per Brezza Riva Riserva al Vinitaly Design Award

Lo spumante Metodo Classico – Trentodoc di Agraria Riva del Garda ha trionfato all’ultima edizione…

1 giorno fa