Il festival delle bollicine targato AIS Sicilia ritorna dal 29 giugno al 1 luglio 2024 nel magico scenario della Scala dei Turchi (Ag)

A Verona, nella sala AIS lounge della 56ª edizione di Vinitaly, è stata presentata la prossima edizione di Sicilia in Bolle, festival delle bollicine siciliane e non solo, che si svolgerà il 2930 giugno e 1° luglio al ristorante Madison di Realmonte nella provincia di Agrigento, designata capitale della cultura nel 2025.
Interesanti le novità dell’edizione ’24, le bollicine “ospiti” saranno le lombarde del Franciacorta, ed il partenariato con l’ IRVOIstituto Regionale del Vino e dell’Olio, metterà in campo due masterclass guidate dai relatori  Paolo Tamagnini Maurizio Dante Filippi, quest’ultimo proclamato miglior sommelier d’Italia del 2016.

Non mancheranno momenti tematici come un talk show su temi più importanti del comparto enogastronomico; il ” Premio Alberto Gino Grillo “, che quest’anno si arricchisce di un concorso enologico protagonisti gli spumanti siciliani presenti alla manifestazione giudicati dai degustatori ufficiali di AIS Sicilia; il mixology contest ” Fuori le Bolle ” che vedrà alle prese i bartender con le bollicine siciliane; la Cena di Gala alla Valle dei Templi e la serata finale, contenitore di banchi d’assaggio, cibo, musica e divertimento. Sarà Federico Quaranta, noto autore e conduttore radiotelevisivo, ad accompagnare le serate frizzanti di Realmonte.

Le bollicine con la Scala dei Turchi sullo sfondo

Sicilia in Bolle, negli anni si è affermato come evento di rilievo, non solo a carattere regionale ma anche nazionale, è una scommessa vinta dall’allora delegato di AIS Agrigento Caltanissetta, Francesco Baldacchino, oggi presidente AIS Sicilia, il quale racconta che trovandosi al Vinitaly insieme ad altri colleghi siciliani, avendo sentito affermare, da un noto enotecario, che sarebbe dovuto essere vietato per legge produrre bollicine da Roma in giù, venne in mente l’idea di creare un evento proprio dedicato a questa tipologia di vino siciliano così amato dai consumatori, il gruppo si mise al lavoro e poco dopo nacque Sicilia in Bolle.

«La decima edizione di ‘Sicilia in Bolle’ vuole essere la reale fotocopia della Sicilia del vino – sostiene Gioele Micali , responsabile area eventi regionale – ed in particolare della sezione spumantistica e dei vini frizzanti che ha visto negli ultimi anni una crescita costante sia in la qualità sia in quantità. Dalle venti aziende partecipanti iniziali, infatti, si è passati a sessanta dell’edizione 2023. Un encomiabile risultato  – conclude Micali – che per il decimo compleanno ci proponiamo di superare».

Per restare aggiornati sull’evento SICILIA IN BOLLE

© Riproduzione riservata