Pucci Giuffrida, Credit Photo:© Pienoformato

Al-Cantàra, tra teatro e poesia, presenta i due vini da collezione 2022 in omaggio alla commedia di Pirandello e ad Antonio Veneziano, poeta “maledetto” del XVI secolo ancora poco esplorato.

Con un rosso di nerello mascalese in purezza dedicato a Luigi Pirandello e un Etna Bianco Doc in omaggio al semisconosciuto poeta siciliano del XVI secolo, Antonio Veneziano, la cantina Al Cantàra l’azienda vinicola di Pucci Giuffrida di contrada Feudo Santa Anastasia a Randazzo, sull’Etna – prosegue il progetto dei vini da collezione iniziato con il rosso “Liolà-Ullarallà“, anche qui citazione del drammaturgo di Girgenti premio Nobel per la letteratura.

Due etichette che sono state presentate in anteprima durante una straordinaria e singolare cena in uno dei ristoranti più celebri di Catania, Il Sale: la prima è il rosso Pensaci, Giacuminu!®, da uve di nerello mascalese 2018, il vitigno autoctono dell’Etna che, prima di essere imbottigliato in 1400 esemplari, riposa in tonneaux di castagno dell’Etna. Un procedimento, questo, che asseconda la voglia di sperimentazione e innovazione del produttore, Giuffrida, affiancato dall’enologo Salvo Rizzuto per testare le proprietà della stagionatura in piccole botti di castagno, essenza naturalmente ricca di tannino, che oggi vengono prodotte soltanto a Marsala con legname proveniente dai boschi cedui dell’Etna.

LEGGI ANCHE: Sulle tracce di Antonio Veneziano, Al-Cantàra battezza “Raiju di Bellicza”

Pensaci, Giacuminu! Credit Photo:© Pienoformato

Destinata a un pubblico di collezionisti e cultori di annate dell’Etna nord è anche la seconda etichetta, anche questa progettata e acquerellata a mano dall’artista Annachiara Di Pietro, che per Al-Cantàra cura da qualche anno l’immagine dei prodotti (sue le creazioni originali per la grappa “Rosa Fresca Aulentissima” e per “Re Befè”, spumante extra brut Etna Doc, metodo classico). Si tratta di “Raiju di Bellicza®“, Etna Bianco Doc da uve carricante della vendemmia 2021. Uve dalla naturale longevità che ne fanno un vino destinato a poter rimanere ottimamente in bottiglia da sei a otto anni. Il nome rievoca un verso della raccolta di poesie inedite del siciliano Antonio Veneziano (Monreale 1543 – Palermo 1593), del quale Giuffrida, vigneron appassionato di letteratura e teatro, è venuto in possesso alcuni anni fa partecipando a un’asta.

“Un manoscritto del tardo ‘500 – spiega Pucci Giuffrida – che avevo acquistato, incuriosito da questa curiosa e sconosciuta antologia di poesie di autori siciliani. Da un’analisi più attenta, commissionata a studiosi dell’Università di Palermo, alcune ottave di questi versi, assolutamente inedite, vengono attribuite con certezza al poeta palermitano Veneziano, considerato in ambito accademico una sorta di “Petrarca di Sicilia”: artista ribelle e avventuriero, con fama di dongiovanni e temuto dai potenti di cui si faceva beffe. Etichettato come “artista maledetto” divenne amico fraterno del papà del Don Chisciotte, lo scrittore spagnolo Miguel Cervantes. Oggi Veneziano è ancora poco studiato: il mio augurio è quello di poter contribuire alla sua rivalutazione partendo da questo episodio così curioso in cui mi sono imbattuto da quando ho iniziato a produrre vini“.

Anche per Raiju edizione numerata: 1399 etichette rifinite ad acquerello da Annachiara Di Pietro che sul retro riportano l’ottava da cui è stato estrapolato il titolo.

Proseguono intanto al Teatro Stabile di Catania gli appuntamenti del Caffè Letterario, ospitati nel Ridotto della Sala Verga su iniziativa del direttore Luca De Fusco. Ventiquattro incontri con la letteratura di Sciascia e Vargas Llosa in programma fino al 18 dicembre che vedono gli artisti nel ruolo di voce narrante per riassaporare il piacere della parola e dell’ascolto. Accompagnano i recital i vini Al-Cantàra presentati da assaggiatori Onav. Il progetto ha preso il via con le opere dello scrittore e drammaturgo peruviano – nonché premio Nobel 2010 – Mario Vargas Llosa che, ospite a Catania nei giorni scorsi per il debutto de “I racconti della peste“, si è intrattenuto al Ridotto dello Stabile con lo stesso Pucci Giuffrida durante la degustazione dei vini Al-Cantàra.

Info: www.al-cantara.it

© Riproduzione riservata