#image_title

Storie di cucina e di vini è il progetto di convivialità unica ed esperienziale ideato da Insulae Resort e Tenute Navarra.

Cinque cene esclusive e a numero limitato, firmate da cinque chef che hanno ideato dei menù ad hoc concepiti come dei racconti di gusto sulla Sicilia aventi come protagonisti le ottime materie prime isolane sublimate dagli abbinamenti di vini dell’azienda agricola di Butera.

L’iniziativa di Insulae Resort di Cefalù e l’azienda vinicola Tenute Navarrade declina in maniera originale tre concetti molto cari ad entrambe le realtà, condivisione, sperimentazione convivialità. Condivisione di valori da parte degli ideatori dell’iniziativa e condivisione dello spazio-cucina: gli chef, infatti, che firmano le cinque cene non sono interni alla struttura; sperimentazione nei menù e negli spazi deputati, di volta in volta, a location per le cene. 
Ogni chef, infatti, seleziona un’area del resort dove presentare la propria cena. In questo modo l’ambiente diventa parte integrante e attiva della serata, fungendo da scenografia e da completamento visivo ai menù. Convivialità esperienziale e immersiva a contatto con la natura, grazie ai bellissimi giardini mediterranei di Insulae Resort, e con la Sicilia che è la protagonista indiscussa delle pietanze e del vino.

Insulae Resort a Cefalù

“Cinque menù a tema Sicilia firmati da cinque chef importanti in abbinamento a una selezione di nostri vini scelti dalla sommelier e nostra brand and wine ambassador, Federica Di Salvo – afferma Totò Navarra Junior, amministratore di Tenute Navarra – ci sono sembrati un ottimo modo per parlare in maniera diretta e concreta, attraverso un’esperienza di gusto, appunto, del nostro territorio e del nostro modo di viverlo ed interpretarlo. Siamo certi che questo sarà solo il primo di una serie di progetti simili”.

Il primo appuntamento si è svolto lunedì 26 Giugno con lo chef Sandro Cicero del Ristorante Palazzaccio di Castelbuono. A seguire, lunedì 3 Luglio lo chef Gianvito Gaglio del ristorante Giardini del Massimo di Palermo; mercoledì 12 Luglio, lo chef Salvo Campagna del ristorante Secondo Tempo di Termini Imerese; lunedì 17 Luglio lo chef Giuseppe Costantino del ristorante Terrazza Costantino di Sclafagni Bagni e lunedì 24 luglio lo chef Nino Ferreri del ristorante Limu di Bagheria (stella Michelin).

“Insulae. Storie di cucina e di vino – racconta Mario Farinella, architetto, terza generazione di una famiglia di professionisti dell’arte dell’hospitality mediterranea – è un progetto che ben sintetizza e reinterpreta, in un nuovo format non più legato solo all’hospitality, la nostra idea di condivisione.
Di comune intesa con Tenute Navarra abbiamo ideato delle cene che esaltano e raccontano alcuni valori a noi molto cari, quali la valorizzazione del nostro territorio e la voglia di far vivere a “chi ci sceglie” delle esperienze uniche, immersive e partecipative. Insulae resort, si trova a 3 km da Cefalù, la città arabo normanna alle porte di Palermo, patrimonio Unesco. La sua posizione ci consente di declinare arte, storia e cultura all’unisono con la natura e tutti i comfort di un resort green che grazie alle scelte architettoniche consente di avere nel medesimo spazio la possibilità di godere della massima libertà e dell’assoluta riservatezza”.

“Presentiamo tutti i vini – spiega Federica Di Salvo, sommelier e brand and wine ambassadordi Tenute Navarra – da Allucià, grillo in purezza, caratterizzato da note salmastre e frutta a polpa bianca, a Sofien, blend di grillo e chardonnay, minerale e avvolgente.
Su alcuni piatti avremo il rosato, Disiata, ottenuto da uve frappato, fresco e agile, che preparerà al Disiato, frappato in purezza, la cui peculiarità altro non è che la versatilità e la godibilità del sorso. Non mancherà anche l’ultimo nato in casa Tenute Navarra, lo Scurò, nero d’avola che col suo leggero passaggio in legno, dona eleganza al sorso, ed il nostro Cerasuolo DOCG (unica DOCG Siciliana), Maribu, fresco di due importanti riconoscimenti (dopo aver vinto la Medaglia d’Argento al Frankfurt International Trophy, e la medaglia di Bronzo ai “Decanter World Wine Awards 2023”). Ultimo ma non per importanza, la Riserva del Fondatore, il Battichiè, nero d’Avola possente ma caratterizzato da grande eleganza e freschezza”.

© Riproduzione riservata