Con il Presidente del Consorzio di Tutela Doc Sicilia Antonio Rallo abbiamo fatto il punto sulla prossima vendemmia 2023 parlando anche dell’emergenza peronospora.

La Sicilia è tra le regioni vitivinicole più produttive in Italia, con una produzione stabile se confrontata alla media degli ultimi 10 anni, 67 q.li per ettaro. Va anche considerato che il 2022 è stato in Europa uno degli anni più caldi di sempre. Gli scostamenti dalla media di temperature, tra il 1991 e il 2022, sono stati rispettivamente Mondo + 1,2 °C, Europa +2,2° C e Italia: + 1,21 °C. In dettaglio, il 2023 è stato l’anno con la temperatura media più alta di sempre per tutte e tre le aree dell’Italia, quindi Nord, Centro e Sud.
La vendemmia 2023, malgrado il gran caldo di questi giorni, per fortuna sarà condizionata dalle positive ed intense piogge di maggio.

In Sicilia, come in altre regioni, è emergenza peronospora soprattutto per chi coltiva in bio con ingenti danni vegetativi e produttivi.
In tanti vigneti condotti senza fitofarmaci si vede il caratteristico aspetto delle foglie con “macchie d’olio”, in presenza di una elevata umidità relativa sulla parte inferiore, in corrispondenza delle parti colpite, l’efflorescenza fungina biancastra. Gli acini nelle prime fasi di sviluppo accrescimento sono stati colpiti direttamente dall’efflorescenza fungina.
Il calo produttivo in Sicilia sarà evidente, tra il 30 ed il 40%.

© Riproduzione riservata