#image_title

Quaranta diverse etichette di Assovini Sicilia in degustazione celebrano le varietà dell’isola

I produttori di Assovini Sicilia hanno incontrato a Milano trenta giornalisti, tra stampa tecnica, generalista e lifestyle, in una serata dedicata non solo alla degustazione dei vini degli associati ma anche alla celebrazione della varietà vitivinicola siciliana.
“Le confezioni regalo dei vini siciliani” è stato il tema dell’evento presso il ristorante Terrazza Palestro, lo straordinario mosaico della vitivinicoltura siciliana ha conquistato la stampa milanese con le novità degli associati legate alle festività.

Dal Nerello mascalese al Marsala, il Catarratto, il Nero d’Avola fino al Passito di Pantelleria, tutta la diversità e ricchezza enologica siciliana nei vini-confezione regalo presentati a Milano, sottolineando come il vino, oggi più che mai, sia veicolo di cultura e bellezza artistica.
Packaging accattivanti, ceramiche simbolo della tradizione siciliana, creazioni artigianali realizzate da artisti locali, elementi che richiamano alla cultura dell’Isola.

Quaranta le etichette proposte dalle diciannove aziende di Assovini Sicilia che hanno aderito all’evento: dalle bollicine dell’Etna agli internazionali che in Sicilia hanno trovato una loro specifica identità, ai vini da dessert. 
Da Est a Ovest, passando per il cuore della Sicilia, l’Isola racchiude una straordinaria varietà di territori, vitigni, tipologie, che candida i vini siciliani tra i vini ideali da regalare e degustare.
Laurent de la Gatinais, Presidente di Assovini Sicilia:“Assovini Sicilia, dopo New York, Zurigo, Roma, non poteva non essere presente a Milano per incontrare la stampa. Per noi è un’occasione importante che ci consente di fare conoscere il vino siciliano nelle sue molteplici espressioni, incluse quelle delle confezioni per questo Natale, i nostri vini sono le preziose tessere che compongono il mosaico vitivinicolo della Sicilia. Il binomio vino e arte, in Sicilia, assume un valore sempre più significativo”– conclude de la Gatinais.

© Riproduzione riservata