Tutte le sfumature del Brachetto d’Acqui e dell’Acqui docg in degustazione al ristorante Tramonto Rooftop di Copenaghen, uno dei luoghi più iconici della capitale danese che propone cibo e vini italiani.

Accade questo giovedì, 30 maggio. L’iniziativa è del Consorzio dei Vini d’Acqui, presidente Paolo Ricagno, che per la seconda volta presenta le proprie denominazioni in Danimarca. «Uno dei mercati europei che sta tenendo numeri e valore per il Brachetto d’Acqui e l’Acqui docg» sottolineano dall’ente consortile.

L’evento, in formula B2B, è riservato a un numero selezionato di buyer, giornalisti ed operatori del settore vitivinicolo danese.

Sono sei le aziende che, oltre al Brachetto d’Acqui, credono e producono l’Acqui docg Rosé e l’Acqui vino secco e sono state selezionate per l’evento in Danimarca: La Torre di Castel Rocchero, La Maranzana, Tre Secoli di Mombaruzzo e Ricaldone, l’Azienda Agricola Simone Gaglione (Antica cascina San Rocco), Azienda Agricola B8 (Convento Cappuccini) e Cantina di Alice Bel Colle. In degustazione anche una selezione di Dolcetto d’Acqui doc.

LEGGI ANCHE: I produttori dell’Alta Langa protagonisti a Roma con il loro metodo classico

In programma, dalle 17,30, un banco d’assaggio con Brachetto d’Acqui, Acqui docg Rosé e Acqui in versione fermo rosso e rosato, a cui seguirà una cena con menù italiano, in cui Thomas Ilkjær, vera autorità danese in tema di vini italiani, insieme alle cantine produttrici, presenterà i vini. «Ad ogni tavolo, uno per azienda, ci saranno operatori e giornalisti e sarà il momento giusto per le aziende, di far conoscere i propri prodotti in un contesto di convivialità informale» annotano dal Consorzio.

Tra i relatori italiani della manifestazione danese Cristina Mercuri, educatrice e presentatrice di vini. È fondatrice e CEO di Mercuri Wine Club, una società di consulenza e un’innovativa accademia del vino. È al terzo livello del programma per Master of Wine ed è candidata a diventare la prima donna italiana MW e Cristiano Tito, bartender e maestro del bartending che a Milano insieme a Marco Borgonzola conducono una scuola per bartender e il Refeel, locale di tendenza in cui sono proposti con successo cocktail a base di Brachetto d’Acqui tra cui una versione di Spritz molto apprezzata. Tito a Copenaghen proporrà sulla terrazza lounge con vista un paio di sorprendenti cocktail a base di Brachetto d’Acqui pre e after dinner.

Commenta Paolo Ricagno«Questa seconda missione in terra danese è la conferma che il Brachetto guarda al futuro con fiducia. Siamo decisi a sfruttare tutte le occasioni necessarie per parlare dei nostri vini e del nostro territorio che, non scordiamolo mai, hanno grande appeal all’estero».

© Riproduzione riservata