Sandro Boscaini

Masi, storica cantina della Valpolicella, presenta ai mercati internazionali il suo vino-icona Campofiorin, annata 2020, aggiornata nel packaging e nel contenuto.

Piccoli ritocchi per un’etichetta che rappresenta con altre, in particolare quella dell’Amarone Costasera, l‘heritage della marca e la sua riconoscibilità a livello mondiale; rimane fedele all’elegante stampa settecentesca che ha caratterizzato il Campofiorin sin dalla sua prima uscita con l’annata 1964 e che ha sedotto, assieme al vino, Goffredo Parise. 

Garbato l’intervento sul packaging come si devea un emblema internazionale, al fine di trasmettere ancora maggior prestigio: Campofiorin, sempre fedele a sé stesso, è ora più vicino al gusto contemporaneo. L’etichetta è stata ampliata con l’aggiunta di uno sfondo grigio che supporta e valorizza l’ovale con la storica cornucopia, in cui giganteggia il logo di colore rosso con un leggero outline dorato. Per contenere il prezioso vino, è stata scelta una bottiglia importante, con capsula rosso ceralacca e sul collarino gli stilemi di famiglia: l’angelo con il motto latino “Nectar Angelorum Hominibus”.

Il nostro intervento ha riguardato tutti gli elementi del packaging per trasmettere un posizionamento ancora più premium” spiega Raffaele Boscainidirettore marketing di Masi. “Abbiamo inoltre lavorato per ottenere un vino ancora più armonico, rotondo ed avvolgente, con una componente fruttata più integra e piacevole attraverso una lieve evoluzione stilistica: un leggero ritardo nella vendemmia e un incremento nella percentuale di uve appassite“.

LEGGI ANCHE: Amarone della Valpoliccela, un 2022 da ricordare per l’azienda Masi

Campofiorin

Sandro Boscaini, Presidente di Masi conosciuto come Mister Amarone, che ha contribuito alla sua creazione e al suo successo proponendolo ai mercati internazionali commenta: “Un ulteriore passo verso il futuro per questo vino emblematico che quasi sessant’anni fa ha portato una ventata di innovazione, aprendo la strada a un successo travolgente. Campofiorin nacque da un’intuizione semplice e geniale al tempo stesso: rifermentare il miglior vino da uve veronesi sulle vinacce dell’Amarone, per ottenere un rosso ricco di aromi e struttura, che si posiziona tra la cordiale semplicità del Valpolicella e la complessità dell’Amarone. Fu l’origine del Ripasso e di una nuova categoria dei vini veronesi. Il Gruppo Tecnico Masi vi ha portato ulteriore innovazione con la “doppia fermentazione” sostituendo alle vinacce le uve integre semi appassite”.

Il “nuovo Campofiorin” sarà presentato a livello internazionale in occasione del prossimo Vinitaly, attraverso una campagna di comunicazione studiata con l’agenzia CLX Europe che ne enfatizzerà gli aspetti lifestyle e il posizionamento di “icona di stile italiano” attraverso citazioni dal mondo della moda e un’ambientazione veneziana, territorio valoriale e culturale di Masi.

Campofiorin sarà inoltre protagonista del XXXIII Seminario del Gruppo Tecnico Masi che si terrà a Vinitaly lunedì 3 aprile – ore 15 – con una degustazione che permetterà di ripercorrere la sua storia attraverso ben 5 decenni.

Il XXXIII Seminario Masi al Vinitaly ci offre l’occasione per spiegare il fenomeno Campofiorin da un punto di vista diverso da quello abituale: non tecnico in senso stretto, ma attraverso gli strumenti che il marketing e la sociologia dei consumi ci mettono a disposizionespiega Raffaele Boscaini che è anche coordinatore del Gruppo Tecnico Masi -. Ho coinvolto in questo esercizio in primis mio padre Sandro, memoria storica di questo vino, e due Master of Wine, Sarah Heller e Konstantin Baum, che con la loro visione internazionale inquadreranno il Campofiorin nell’ambito di quella categoria di prodotti-icona globali.”

In quasi 60 anni il Campofiorin ha creato infatti una vera e propria categoria, quella dei vini Supervenetian, diventandone il leader indiscusso; bandiera del made in Italy, è distribuito in oltre 140 Paesi nel mondo con una reale omnicanalità: ristorazione, hotellerie, enoteche specializzate, GDO, travel retailonline.

© Riproduzione riservata