La narrazione dell’appartenenza a un territorio inconfondibile passa anche da un inedito incontro di eccellenze, declinate nel calice e nel piatto.

L’appartenenza a un territorio passa anche attraverso un inedito quanto indovinato abbinamento, che, durante le giornate di Vinitaly, ha ottenuto un grande successo, riscontrato da stampa e ospiti presenti. Quello tra Caviale e Valdobbiadene Docg Millesimato dry Coste di Mezzodì, una sfida che lo chef Paolo Speranzon della Locanda San Martino (Pieve d’Alpago – Belluno) e l’enologo e a.d. di Col Vetoraz Loris Dall’Acqua hanno voluto affrontare insieme.

Per l’occasione Speranzon ha elaborato un amuse-bouche composto daTartare di rape rosse con panna acida e caviale tipologia White Sturgeon Deluxe (proveniente dallo storione bianco) dell’azienda trevigiana Caviar Giaveri. La semplicità di questa preparazione lascia presto spazio a un ampio spettro di sensazioni gustative: la dolcezza terrosa della rapa viene bilanciata dalla sapidità del caviale e dall’acidità della panna. La nota balsamica del rafano e dell’aneto completano il tutto.

E ’stato studiato un gioco di contrasti e di assonanze – spiega Loris Dall’Acqua – Un piatto quindi capace di esprimere una interessante gamma di note dalla dolcezza, allo speziato, al piccante fino al salato, che si fonde perfettamente alla morbidezza aromatica del Valdobbiadene Docg Millesimato dry Coste di Mezzodì.

LEGGI ANCHE: Vinitaly 2024 bilancio positivo, chiude con 97mila presenze

Le inconfondibili bollicine superiori Col Vetoraz hanno affrontato il consueto appuntamento veronese con indiscutibile successo. In particolare quest’anno per la prima volta erano presenti in fiera le tre nuove referenzeValdobbiadene DOCG Brut Coste di Levante, Valdobbiadene DOCG Extra Dry Coste di Ponente, Valdobbiadene DOCG Millesimato Dry Coste di Mezzodì. Un’accurata selezione di uve Glera 100% operata dall’azienda, provenienti dalle “coste”, ossia dai terreni collinari più o meno scoscesi, esposti a levante, ponente e mezzodì e che, proprio per la loro particolare situazione pedoclimatica si prestano perfettamente alla produzione di spumante Brut, Extra Dry e Dry di grande armonia.

Eccellenza in prima linea dunque, sempre nel nome di quel mix di equilibrio, armonia ed eleganza che sono la cifra distintiva della piacevolezza di questi spumanti, garantendo sempre un livello qualitativo al massimo grado.       

© Riproduzione riservata