A Valladolid in Spagna, dove si è svolto il Concours Mondial de Bruxelles – Sessione Rosè Selection, con gran piacere ho incontrato tra i giudici la Master of Wine Elizabeth Gabay, la massima esperta mondiale sul vino rosato.

Dopo la sua interessantissima conferenza sul vino rosè per i giudici del mondiale nell’anfiteatro della Deputazione di Valladolid, e l’intervista concessa a Vinopres che riportiamo più sotto, in una breve intervista video in lingua inglese, di facile comprensione, ho chiesto la sua opinione sul vino rosato italiano.

Elizabeth Gabay è una Master of Wine e la più grande esperta di rosati al mondo. È autrice di “Rosé: Understanding the Pink Wine Revolution” (2018) e “Buyers Guide to the Rosés of Southern France” (2021). Elizabeth Gabay è nel panel della Rosé Wine Session del Concours Mondial de Bruxelles. 

– Quando hai scoperto la tua passione per il rosato e cosa ti affascina?
– Piuttosto tardi. Intorno al 2015 ho iniziato ad assaggiare rosati più interessanti, ma sempre solo dalla Provenza. Una volta che ho iniziato a fare ricerche per il mio libro alla fine del 2016, ho scoperto sempre di più. Il rosato ha tutto il potenziale per essere la categoria di vini più eccitante in circolazione.

– A cosa devono la loro crescente popolarità i vini rosati?
– Questa è la domanda multimilionaria. Riscaldamento globale, estati più calde. Mercato dei giovani millennials alla ricerca di drink easy, divertenti e glamour. L’aumento della qualità. Eccellente campagna di marketing della Provenza negli ultimi 25 anni.

– Cosa rende il vino rosato così attraente per i Millennials?
– Inizialmente Rose si è venduto come un semplice vino divertente che non richiedeva una conoscenza approfondita del vino, classifiche vintage o un grande budget. Il marketing ha spinto l’immagine dello stile di vita. Il 2010 e l’ascesa di Instagram hanno alimentato questo marketing.

– I vini rosati sono ancora più una bevanda femminile?
– In molti luoghi, non universalmente. 

– Il rosato è un “vino estivo”?
– No, tempo fa ha smesso di essere solo un vino estivo. Da Pasqua all’autunno…. La stagione è lunga e ci sono rosati più pesanti e buoni durante tutto l’inverno.

– Per provenienza e stile, quali sono oggi i rosati più ricercati?
– La Provenza rimane ancora l’origine più ricercata e lo “stile provenzale” è popolare, ci sono anche rosati molto popolari nei mercati più locali.

– Attualmente, quali sono le categorie di rosati più rilevanti?
– Penso che lo stile stia diventando tanto vario quanto il rosso e il bianco. Lo spumante è un settore in forte crescita, il rosato fresco e secco è un rosato classico e naturale “funky” sta sviluppando un piccolo mercato hipster e mi piacerebbe vedere i rosa dolci diventare più popolari.

– Come vede il futuro del rosato?
– Vorrei che il commercio del vino non si vergognasse dei rosati, che i produttori e il commercio del vino riconoscano la piena diversità degli stili, che le carte dei vini dei ristoranti offrano tanti rosati diversi quanto i vini rossi e bianchi. C’è ancora molta strada da fare per educare il mercato.

– Quali sono le tendenze del mercato dei rosati da tenere d’occhio nel 2022?
– Crescita dei rosati premium e ultrapremium e crescita dell’identità regionale.

© Riproduzione riservata