Dario Stefàno

Un grande riconoscimento per l’onorevole Dario Stefàno, padre della legge sul turismo del vino, nominato Ambasciatore delle Città del Vino per la sua vicinanza alle attività e ai valori dell’Associazione Nazionale dei Comuni vitivinicoli italiani, dando un contributo importante sugli aspetti normativi del settore.

L’onorevole Dario Stefàno, padre della legge sul turismo del vino e autore insieme a Donatella Cinelli Colombini di due libri guida sull’enoturismo (Turismo del Vino in Italia. Storia, normativa e buone pratiche e Viaggio nell’Italia del vino) è stato nominato ambasciatore emerito delle Città del Vino conferitogli al Pavillion del Portopiccolo di Sistiana (Trieste) durante la Convention delle Città del Vino, a Duino Aurisina, “Città Italiana del Vino 2022”.

LEGGI ANCHE: Appello delle cantine italiane: «Serve un osservatorio permanente su dati enoturismo»

Duina Aurisina

“Ringrazio, emozionato, per la nomina ad ambasciatore emerito di Città del vino – ha dichiarato Dario Stefàno durante l’assemblea nazionale dell’importante associazione che lega i Comuni al vino- rinnovo il mio impegno a continuare a lavorare per una realtà – quella del vino italiano – che è pivot della nostra identità e della nostra ricchezza. Oggi è il tempo di ispirare politiche attive che garantiscano al comparto tutte le energie e risorse perché questo asset di sviluppo evidenzi e pratichi tutte le potenzialità di cui è portatore”.

Fonte: ANSA

© Riproduzione riservata