#image_title

Tutte le bottiglie del Consorzio di Tutela Doc Pantelleria dal 2023 avranno le fascette di stato che tracceranno le varie fasi di vita di ogni vino.

Anche i vini panteschi a Denominazione di Origine Controllata avranno il sistema a garanzia dell’autenticità, che tutela sia i produttori sia i consumatori e appassionati dei grandi vini isolani, passito, moscato e zibibbo dolce, ma anche bianco ed frizzante. L’apposita fascetta è uno strumento che ne certifica la qualità e la provenienza ma anche la tracciabilità, dalle origini del prodotto all’imbottigliamento e al posizionamento sul mercato.

La scelta di adottare questo sistema va oltre gli obblighi previsti dalla legge e nasce dalla volontà del Consiglio di Amministrazione, Presieduto da Benedetto Renda, di proseguire nel percorso di valorizzazione dell’identità territoriale e della qualità dei vini dell’Isola iniziato nel 1997. Tra i compiti del Consorzio, che ha ricevuto per la sua ampia rappresentatività il riconoscimento Erga Omnes c’è la tutela dalle contraffazioni.

Le fascette, stampate dall’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, utilizzano specifici sistemi di sicurezza che certificano l’autenticità del prodotto e contengono sistemi anticontraffazione visibili e invisibili con tracciabilità legata a banche dati. Sono forniti di una indicazione di serie alfanumerica e di un numero progressivo che identifica ogni singola bottiglia immessa al consumo.

Il Presidente Renda: “Se l’adozione di questo sistema di certificazione è in realtà obbligatoria solo per i vini DOCG, è altresì un dato di fatto che essa sia ormai patrimonio delle più prestigiose DOC italiane. Il Consorzio ha fortemente voluto compiere questo passaggio, che oltre a contrastare le contraffazioni e tutelare i consumatori, è segno tangibile di qualità per i vini della perla nera del Mediterraneo”.

Il nuovo sistema è gestito dall’IRVO, l’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia, ente pubblico con la funzione di organismo di controllo riconosciuto da Accredia (ente italiano per l’accreditamento). Il direttore dell’IRVO Sicilia, Gaetano Aprile ha ribadito l’importanza di questo strumento fondamentale come lotta alla contraffazione: “Il fatto che la DOC Pantelleria se ne stia dotando – ha rilevato – è sicuramente un passo avanti verso la qualità e mi auguro che si possa anche camminare verso la DOCG che valorizzerebbe ancora di più la tipicità del prodotto pantesco, visto il disciplinare sempre più stringente”.

Istituito nel 1997, il Consorzio Vini Pantelleria Doc persegue la tutela e la valorizzazione dei vini dell’isola; il Consorzio ha funzioni Erga Omnes e tra i suoi associati vi sono cantine e oltre 300 viticoltori dell’isola; oggi è guidato dal Presidente Benedetto Renda, coadiuvato da un consiglio di amministrazione composto dai consiglieri Giuseppe Andrea Chiaiesi, Salvatore Murana, Fabrizio Basile, Antonio D’Aietti e Andrea Errera.

© Riproduzione riservata