Nasce il nuovo Eni Cafè: una nuova offerta nelle Enilive station per essere sempre più vicini alle esigenze delle persone in movimento. Per metterla a punto, la sede storica di Eni, a Castel Gandolfo (Roma), si trasforma per oltre due mesi in una Masterclass per la formazione dei manager e del personale degli Eni Café.

L’innovativo progetto, avviato in questi giorni, prevede 40 giornate di formazione, per un totale di 320 ore tra lezioni teoriche e cooking class, fino a metà maggio. Per porre le basi delle tante novità che dal prossimo giugno saranno disponibili nei 600 Eni Café in Italia, e nei prossimi mesi anche negli ulteriori 600 punti vendita in Europa, Enilive ha dato avvio a un imponente progetto di formazione in collaborazione con Accademia Niko Romito, Scuola di Alta formazione e Specializzazione professionale dedicata al mondo della ristorazione e della cucina: vi partecipano 640 persone tra manager e personale degli Eni Café, protagonisti della trasformazione avviata da Enilive per un’offerta food più vicina alle esigenze dei clienti.

Eni Caffè Master Class – Castel Gandolfo Villa Montecucco

La nuova offerta, coordinata da Mario Ferro (Responsabile Retail Services e Smart Mobility) ed elaborata in collaborazione con l’Accademia Niko Romito, coprirà i diversi momenti di consumo, dalla colazione al light lunch fino all’aperitivo, e sarà basata su prodotti di qualità che varieranno in base alla stagionalità e alla territorialità.

Per Enilive, questa particolare e nuova iniziativa di formazione che prelude al rinnovo dell’offerta degli Eni Café si inserisce nella più ampia trasformazione della sua rete di stazioni di servizio, che conta oltre 5.000 punti vendita in Europa dei quali oltre 4.000 in Italia, che ogni giorno accolgono più di un milione e mezzo di clienti. Negli ultimi anni le Enilive Station sono diventate ‘mobility point’ in grado di soddisfare un numero sempre maggiore di esigenze delle persone in movimento. Oltre a un’ampia offerta di prodotti, tra cui HVOlution, il biocarburante diesel al 100% da materie prime rinnovabili, il bio-GPL e il biometano, l’idrogeno e l’elettrico, le stazioni Enilive danno ai propri clienti l’opportunità di ottimizzare la sosta per il rifornimento trasformandola in un’occasione in cui utilizzare anche servizi tra cui i negozi di prossimità Emporium, i punti Telepass, il car sharing Enjoy, il pagamento dei bollettini postali e il ritiro dei pacchi postali in appositi locker.

LEGGI ANCHE: Cristian Ridolfi è il nuovo presidente del Consorzio del Soave

In questa offerta, un ruolo di primo piano ha la ristorazione: oltre agli Eni Café, che rappresenta la più grande catena di bar in Italia, Enilive è con Accademia Niko Romito protagonista del nuovo modello di ristorazione ALT Stazione del Gusto, con i primi due store aperti a Roma Eur e a Ostia. 

Il progetto, oltre alla nuova  offerta gastronomica, è anche un’occasione di formazione su temi come il branding, competenze degli operatori, riconoscibilità, visual food, marketing e comunicazione. I docenti coinvolti, coordinati dal direttore dell’Accademia Fabio Bucciarelli, sono lo Chef Claudio Bellavia, da 15 anni nel team di Niko Romito, l’esperto di HACCP per la sicurezza alimentare Roberto Luneia, la dottoressa Nerina Di Nunzio docente universitario e esperta di comunicazione e crescita personale.

© Riproduzione riservata