Sommelier in servizio e bottiglie per l'asta

Un’importante iniziativa solidale è stata realizzata da Fisar Piacenza e dalle cantine piacentine per dare un aiuto concreto ad un asilo della Romagna danneggiato durante l’alluvione.

L’alluvione ha colpito duramente in Romagna e a Sant’Agata sul Santerno, in provincia di Ravenna, l’unico asilo della zona è stato pesantemente danneggiato, invaso da acqua e fango, e reso inagibile. Le immagini delle aule allagate e dei giochi ricoperti di fango hanno commosso il gruppo dei sommelier piacentini che si sono subito attivati contattando la coordinatrice dell’asilo per contribuire rapidamente con un aiuto.

La serata, organizzata da Fisar Piacenza, si è tenuta mercoledì 7 giugno, e ha permesso di raccogliere fondi da destinare alla scuola di infanzia Azzaroli. Il ricavato della cena, accompagnata dai vini dell’Azienda Ganaghello, insieme al risultato dell’asta dei vini donati da cantine piacentine, effettuata al termine della cena, ha raggiunto la cifra di 4.117 euro, che verrà versata, nei prossimi giorni, per contribuire al ripristino delle strutture dell’asilo.

LEGGI ANCHE:

Il delegato Enrico Fermi commenta: “Come Fisar Piacenza abbiamo voluto organizzare una raccolta fondi mediante una cena benefica, in collaborazione con il ristorante Osteria La Cambusa di San Polo (e il produttore di vini Ganaghello, di Castel San Giovanni). Inoltre ben 14 cantine piacentine hanno contribuito mettendo a disposizione 35 bottiglie di vari formati tra cui magnum e jeroboam che sono state battute all’asta permettendo di raccogliere ulteriori fondi destinati all’asilo. L’asta è stata una specie di gioco a cui hanno contribuito tutti i partecipanti”.

Abbiamo giocato per far tornare a giocare i bambini dell’asilo” – aggiunge Patrizia Tuberosa, consigliere di delegazione.

Un ringraziamento alle cantine, al ristorante La Cambusa e ai sei sommelier che hanno svolto il servizio durante la cena. La passione per il mondo enogastronomico ha unito e contribuito per dare un concreto sostegno ad una giusta causa.

© Riproduzione riservata