Tra i temi trattati dal consorzio per l’occasione, la questione Montepulciano in etichetta ed i ristori per i danni da peronospora, appuntamento al Vinitaly presso la collettiva della regione Marche

Grazie alla vista del Ministro dell’Agricoltura e della sovranità alimentare Francesco Lollobrigida ad Ascoli Piceno, al Presidente del Consorzio di Tutela Vini Piceni Simone Capecci, accompagnato da Marianna Velenosi e Francesca Pantaloni quali membri del cda e Armando Falcioni quale coordinatore tecnico, è stato possibile un breve incontro con lo stesso Ministro al quale è stato fatto omaggio di una pubblicazione sul vitigno Pecorino, nel quale si evidenziano le origini picene e la sua importanza nelle denominazioni Docg Offida e Falerio Dop.

“È stato una grande opportunità poter scambiare due battute con il Ministro al quale abbiamo ricordato l’annosa questione dell’indicazione del vitigno “Montepulciano”, – ha dichiarato il presidente Capecci – per dare la possibilità ai produttori delle nostre denominazioni di origine, in particolare nel Rosso Piceno dop, il rosso più diffuso delle Marche, e nell’Offida Rosso docg, tutelati da questo Consorzio, di far conoscere realmente la composizione ampelografia delle nostre d.o. Riteniamo paradossale che all’atto della descrizione dei vitigni che sono alla base dei nostri disciplinari, dove il Montepulciano può arrivare fino all’85%, dovremmo glissare come generico vitigno a bacca rossa. Tra l’altro la norma ammetterebbe solo una descrizione generica, in maniera discorsiva e senza evidenziazioni di carattere e non campeggerebbe di fianco al nome della denominazione. Quindi la possibilità di ravvisare concorrenze o confusione è praticamente azzerata ed il tentativo dell’utilizzo del sinonimo “Cordisco”, di cui non si rileva traccia nei nostri disciplinari, alimentando in questo caso solo confusione, appare solo un mortificante palliativo.

È stata anche l’occasione per prendere coscienza dei danni subiti dagli attacchi di peronospora che hanno colpito questa fascia dell’areale adriatico e dove gli attuali interventi non sembrano sufficienti, soprattutto per i viticoltori, per rifondere la grave perdita di prodotto.

Con l’occasione vorrei ringraziare la Regione Marche, presente con il governatore Francesco Acquaroli, che con il PSR misura 3.2 dà la possibilità di fondamentali contributi per la promozione delle nostre denominazioni ed in particolare l’assessore all’agricoltura Andrea Antonini, che è stato sempre al nostro fianco per questi due temi fondamentali cari ai nostri produttori. Non da ultimo il sindaco di Ascoli Piceno Marco Fioravanti per averci dato questa opportunità nello scenario unico della pinacoteca di Ascoli Piceno”.

LEGGI ANCHE: Basile confermato alla guida del Consorzio Tutela Vini Montecucco

Il Consorzio vini piceni ha ricordato al Ministro che il termine “Montepulciano” in etichetta andrebbe solamente a rendere più completa la descrizione delle nostre denominazioni coinvolte, Offida Rosso docg e Rosso Piceno dop, le cui immagini sono comunque note per caratteristiche e peculiarità proprie, legate al territorio di origine, da cui proviene oltre il 50 % della produzione vitivinicola regionale complessiva, e ha dato appuntamento ai presenti, tra cui anche il sottosegretario dell’economia e delle finanze Lucia Albano, al Vinitaly di Verona dove il Consorzio Vini Piceni sarà presente alla collettiva Marche ed allo stand padiglione 7 ben 27 aziende presenti.

© Riproduzione riservata