Al Vinitaly 2024 il Consorzio di Tutela dell vino Marsala fa il focus sul grande vino liquoroso siciliano.

Nel corso di un interessante conferenza presso lo stand Sicilia della fiera in svolgimento a Verona, il presidente ed il Viicepresidente del Consorzio per la Tutela del Vino Marsala Doc, Benedetto Renda e Roberto Magnisi, insieme al Master of Wine Pietro Russo, “marsalese doc”, hanno esposto le caratteristiche dello storico vini siciliano.
Durante l’evento sono stati offerti in degustazione un Marsala Doc Vergine e un Marsala Doc
Superiore, due tipologie che rappresentano l’autenticità, la tradizione e la versatilità del famoso vino.
Il presidente Benedetto Renda, “il territorio di Marsala è un vero e proprio scrigno di tesori vitivinicoli che ne fanno una delle località più importanti per la produzione del vino Marsala. Insieme al Master of Wine Pietro Russo
abbiamo esplorato i segreti del Terroir Marsala e degustato la ricchezza, la versatilità e la
contemporaneità del nostro vino, senza mai compromettere l’autenticità e la tradizione che lo contraddistingue”,


Il talk è stato caratterizzato da un incedere di domande e risposte tra Roberto Magnisi e Pietro Russo, il quale ha sottolineato come Il vino Marsala è un vero e proprio camaleonte enologico, capace di adattarsi a molteplici occasioni d’uso e di abbinamenti culinari. Dall’aperitivo al dolce, passando per antipasti, primi, secondi e formaggi, il Marsala dimostra la sua versatilità e la sua capacità di valorizzare ogni piatto e soddisfare ogni palato. Un vero tesoro della tradizione
enologica siciliana, da scoprire e apprezzare in tutte le sue sfumature.


Infine, è stato presentato il Museo del Vino di Marsala, intitolato a John Woodhouse e dedicato alla memoria di Marisa Leo, vittima di femminicidio e attivista contro la violenza di genere.
Il Sindaco di Marsala, Massimo Grillo, e il consigliere della Strada del Vino di Marsala, Stefano Caruso, hanno illustrato i dettagli del Museo, che rappresenta un ponte tra passato e futuro del vino siciliano.
Secondo il Sindaco di Marsala, Massimo Grillo, il Museo, che sarà inaugurato il 12 maggio
prossimo, rappresenta “Un contenitore multimediale e sensoriale, un luogo unico dove passato e futuro della tradizione enologica si incontrano. La tradizione rurale-contadina ed enologica di Marsala è pertanto la vera protagonista del Museo che, in prospettiva, svilupperà un sistema di marketing territoriale che avrà nella cultura del vino il suo filo conduttore”


Conclude Stefano Caruso, intervenuto per conto del Presidente Lombardo: “Marsala, finalmente, avrà il proprio Museo del Vino, nello storico Palazzo Fici, già sede dell’Enoteca della Strada del Vino di Marsala – Terre D’Occidente. Il Museo consentirà al visitatore di “fare un viaggio” nel vino
Marsala e di immergersi in un’avventura sensoriale che si concluderà con la possibilità di
prenotare le visite nelle cantine delle aziende associate, per poter conoscere e degustare le
diverse tipologie di Marsala ed i rinomati ed apprezzati vini del territorio. Una sinergia importante, quella tra il Consorzio, la Strada del vino e il Comune di Marsala, che porterà i suoi frutti in termini di enoturismo e racconto del territorio e delle sue eccellenze.

© Riproduzione riservata