#image_title

Mentre la vendemmia si conclude in tutto lo stato della California, i viticoltori prevedono che il 2022 produrrà vini memorabili di grande concentrazione e complessità.

Nella costa settentrionale, la stagione di crescita è iniziata con condizioni climatiche ideali, fino a quando un prolungato evento di caldo iniziato a fine agosto ha accelerato la raccolta e ridotto la produzione per alcune varietà. In alcune regioni vinicole come Lodi e Sierra Foothills, all’inizio della primavera sono prevalse condizioni climatiche miti, seguite da gelate che hanno ridotto drasticamente le dimensioni dei raccolti. I tempi di raccolta sono stati contrastanti quest’anno, con alcune denominazioni, tra cui Napa Valley, che sono iniziate con un mese di anticipo rispetto alla media e altre, come Paso Robles, che hanno registrato un raccolto prolungato.

Nella costa settentrionale, i coltivatori hanno raccolto alcune varietà rosse già a metà agosto. L’ondata di caldo del Labor Day ha fatto sì che più varietà raggiungessero la maturità contemporaneamente in alcune regioni, il che ha tenuto impegnati gli operatori dei vigneti e delle cantine durante un raccolto compresso.

Nonostante i colpi di scena dell’anno, i consumatori possono aspettarsi di gustare ottimi vini dell’annata 2022. La California produce circa l’80% del vino della nazione, rendendola la quarta regione vinicola più grande del mondo. Più dell’80% del vino della California è prodotto in un’azienda vinicola certificata sostenibile e oltre la metà dei circa 615.000 acri di vigneto dello stato sono certificati a norma di uno dei programmi di sostenibilità della California (Certified California Sustainable Winegrowing, Fish Friendly Farming, LODI RULES, Napa Green e SIP Certified).

Per approfondire puoi seguire su www.wineinstitute.org

© Riproduzione riservata