© Famiglia Nonino

Le feste a casa Nonino sono scandite da antiche tradizioni e amore per un’arte di grande prestigio, la distillazione.

Quest’anno il loro augurio avrà il profumo di casa e il sapore avvolgente di qualcosa di prezioso con Gran Riserva Nonino Cru Monovitigno Picolit, 10 anni in barrique ex-Sauternes.

Si tratta di una delle più celebri distillerie italiane, un vero e proprio simbolo di tradizione, qualità e prestigio. Venne fondata da Orazio Nonino nel 1897 quando faceva la grappa, come tutti distillavano una volta, con vinacce non selezionate, mal conservate, magari ammuffite e rifermentate col risultato di ottenere grappe grezze, pungenti, non profumate. Con i successori la distilleria da itinerante si stabilì a Percoto dove arrivò nelle mani e nel cuore di Benito e di sua moglie Giannola che cominciarono ad utilizzare vinacce di qualità e nel 1973 hanno avuto l’intuizione che trasformerà il mondo della grappa distillando separatamente le vinacce dei singoli vitigni. Nacque così il Monovitigno® Nonino dalle vinacce del Picolit, un’uva rara e particolare.

49 anni dopo, la stessa grappa, la Picolit Cru Monovitigno, è stata impreziosita da un invecchiamento di dieci anni in barriques ex-Sauternes per brindare ai 125 anni di distillazione e amore per la grappa. Nasce così la Grappa Nonino Gran Riserva Cru Monovitigno Picolit. La fermentazione in purezza avviene in ambiente anaerobico in tini in acciaio inossidabile, seguita immediatamente dalla distillazione per evitare fermentazioni secondarie dannose.

La distillazione artigianale discontinua con il taglio delle teste e delle code, avviene in particolari ed esclusivi alambicchi a vapore in rame rinnovati da Benito Nonino. Tutto avviene molto lentamente per consentire ai componenti volatili, responsabili dei profumi, una giusta evaporazione e conseguente condensazione mantenendo intatte le preziose caratteristiche organolettiche del vitigno.

LEGGI ANCHE: Grappa, per la prima volta nella lista mondiale dei cocktail

© Nonino

Rara, elegante e preziosa. Il legno dove ha riposato il vino Sauternes si armonizza con i sentori dell’Uva Picolit che profumano di miele, spezie, cioccolato e frutta candita, lasciando una sensazione di purezza; perfetta da abbinare a numerosi piatti che per queste feste saranno i protagonisti indiscussi delle tavole italiane. La produzione limitata e numerata, è caratterizzata solo da 1139 ampolle in vetro cristallo con serigrafia in oro 24 carati.

Il successo e la notorietà di Nonino non è legato solamente alla bontà dei loro prodotti, ma anche alla straordinaria capacità imprenditoriale delle figlie ElisabettaAntonella e Cristina che con i loro sorrisi coinvolgenti e con la loro capacità di comunicare hanno contribuito a far conoscere la loro famiglia e il loro marchio in tutto il mondo.

.

© Riproduzione riservata