Si legge tutto in un fiato, “Storie di Vite”, la pubblicazione di Salvo Ognibene edita da Flaccovio editore, un delizioso racconto di vini, territori, persone, di cibo e storia, con i contributi di Gherardo Fabretti, Filippo Moschitta e Antonello De Oto.

Una degustazione letteraria, una sorta di antologia di viaggio che parte dalle origini del mito fino al racconto dei territori che ne hanno costituito la storia, il legame del vino e delle sue molteplici espressioni tra letteratura, religione e avventure di vignaioli che vale la pena di ricordare.
Storie di imprese, di maestri del vino, di vigneti e terroir, delle nuove frontiere dei vini biologici, vegani e biodinamici, fino ai vini veri, e poi il ricordo del vigneto più grande d’Europa di Menfi, e i grappoli della legalità.
Un libro da leggere piacevolmente, perché il vino è cultura liquida.

Il curatore
Salvo Ognibene è saggista e sommelier. Nato a Livorno, cresciuto a Menfi, promuove il turismo esperienziale con “Meet Sicily”, ed è consulente digitale e di web marketing. Scrive di vino, di storie e di territori, collabora con diversi giornali del settore e con al guida “Slow Wine” per la sezione Sicilia.

© Riproduzione riservata