Nasce per celebrare queste figure essenziali della filiera vitivinicola e dell’ospitalità italiana, attraverso le loro storie e le loro suggestioni, il progetto Wine List Italia, ideato da Federico Gordini, Presidente di MWW Group e Paolo Porfidio, curatore del progetto, comunicatore del vino e Head Sommelier della Terrazza Gallia di Milano, che vedrà la prima tappa del 2024 al Paestum Wine Fest, lunedì 25 marzo.

L’evento prevede un walk-around tasting tra i banchi d’assaggio di 16 sommelier, selezionati da alcuni dei ristoranti più prestigiosi del Centro/Sud Italia e delle Isole che presenteranno 3 referenze ciascuno scelte dalle proprie carte vini. In degustazione, una selezione di oltre 40 etichette d’eccellenza che riflettono la qualità, la tradizione e le caratteristiche territoriali delle aree di provenienza di ciascun sommelier.

“Sin dall’inizio il progetto è nato per essere ambizioso, e poco più di un anno e mezzo dalla nascita, Wine List Italia sta diventando un punto di riferimento per la sommellerie e le cantine di qualità”, commenta Paolo Porfidio. “Stiamo coinvolgendo sempre più professionisti, e questa edizione di Paestum ci ha spinti alla ricerca di figure di altissima caratura del Sud Italia, isole comprese. La sommellerie deve sempre più essere valorizzata ed i professionisti meritano i giusti palcoscenici. Sono contento del riscontro dei colleghi, che da tutto il Paese decidono ogni giorno di unirsi a noi. Sarà una prima tappa di questo tour itinerante sicuramente entusiasmante.”

Wine List Italia è al contempo una Guida – la cui prima edizione, pubblicata da MWW Media – Vendemmie è stata presentata a MWW2023 – e un grande format che, dopo il successo alla Milano Wine Week, inizierà il suo percorso 2024 al Paestum Wine Fest per un’edizione speciale che raccoglierà alcuni tra i migliori sommelier dell’Italia centro-meridionale. L’evento costituirà la prima tappa dell’edizione 2024 del progetto, che vedrà l’inclusione di un numero sempre maggiore di professionisti da tutto il territorio italiano.

Il percorso si concluderà poi domenica 6 ottobre a Milano, nell’ambito della settima edizione di Milano Wine Week, con la presentazione della Guida 2024 e l’evento che radunerà i sommelier di tutta Italia selezionati per il progetto in una degustazione di grandissimo prestigio che vedrà protagoniste le centinaia di etichette italiane ed estere selezionate.

“Milano è la città del fine dining per eccellenza, prima in Italia per il consumo di vino – racconta Federico Gordini -, per questo, il debutto di Wine List Italia alla Milano Wine Week ha offerto il palcoscenico ideale per puntare i riflettori su una professione che oggi più che mai merita di emergere come modello professionale per i giovani e simbolo dell’eccellenza nell’ospitalità italiana. Da quest’anno il progetto ambisce a crescere, ampliando sempre più la propria portata per coinvolgere maggiormente l’intera Penisola, che vanta un patrimonio enorme di professionisti capaci di raccontare la ricchezza dei territori italiani. 

Professionisti che meritano sempre più occasioni di visibilità e di valorizzazione, modelli ideali per le nuove generazioni che si stanno formando per divenire i nuovi protagonisti della sala. Abbiamo scelto di iniziare da Paestum e da una manifestazione come Paestum Wine Fest che è divenuta negli anni il più importante evento settoriale del Sud Italia, riferimento sia per gli operatori che per i wine lovers. Un territorio che negli

anni ha fatto registrare una crescita straordinaria della ristorazione di qualità nel cuore di una Campania che recita un ruolo sempre più protagonista della ristorazione italiana. Quello di Paestum diverrà un appuntamento annuale per Wine List con l’obiettivo di dare sempre più enfasi ai più grandi professionisti della sommellerie del Sud Italia e delle Isole. I sommelier che parteciperanno all’evento entreranno di diritto nella selezione nazionale e si ritroveranno ogni anno ad ottobre nella seconda giornata di Milano Wine Week, insieme ai colleghi di tutta Italia, per la presentazione della Guida e il Grand Tasting”

Sull’edizione di quest’anno, Angelo Zarra, ideatore Paestum Wine Fest si è espresso così: “L’edizione di quest’anno del Paestum Wine Fest continua ad edificare fondamenta che mettono le basi su business, opportunità e territorio. Per questo motivo non potevamo non aprire una finestra di dialogo con la Milano Wine Week che rappresenta un ulteriore faro sul palcoscenico delle eccellenze italiane. Siamo davvero entusiasti di annunciare, quindi, che la prima tappa nazionale delle degustazioni del progetto “Wine List Italia” 2024 – che confluirà nell’edizione 2024 della prima Guida realizzata da una selezione di sommelier professionali della ristorazione italiana – ci sarà proprio nei giorni della manifestazione”

LEGGI ANCHE: Dal Metodo Classico Brut al Chianti Gran Selezione, due vini di Fèlsina da scoprire

Quest’anno, Paestum Wine Fest si avvale della preziosa collaborazione Alessandro Rossi, direttore della manifestazione che ha dichiarato: “È un grandissimo onore per il Paestum Wine Fest ospitare la selezione del Centro e Sud Italia del progetto Wine List che la Milano Wine Week ha dedicato alla figura del sommelier: un sommelier contemporaneo, in grado di raccontare con un dizionario differente, meno invasivo e più consono al momento storico che sta attraversando, il mondo del vino. E’ fondamentale ottenere un risultato determinante per un ritorno di successo, meritato tra l’altro, all’interno della media e alta ristorazione che compone, ad oggi, il segmento più stabile e determinante per il settore delle produzioni di eccellenze vinicole. Sinergia è la parola d’ordine per il futuro, collaborazione il must. Dobbiamo cercare sempre di più, attraverso manifestazioni come il Paestum Wine Fest, Milano Wine Week e tante altre presenti sul suolo nazionale, di creare un solido network per generare punti di forza su tutto il territorio”.

L’evento è in programma lunedì 25 marzo dalle ore 15 alle ore 19 presso la sala stampa. Contestualmente sarà possibile acquistare la propria copia della guida “Wine List Italia 2023”, che raccoglie i contributi di 55 tra i più blasonati sommelier della ristorazione italiana, per un totale di 550 referenze scelte in 10 categorie che spaziano dalla “chicca del sommelier” al miglior vino per qualità/prezzo, dall’etichetta sostenibile al “dolce” sorso con cui chiudere in bellezza il pasto. Il tutto raccontato direttamente attraverso le parole dei sommelier coinvolti, per ricreare anche a casa propria l’esperienza di degustazione dei più grandi ristoranti d’Italia.

© Riproduzione riservata