Il territorio lucano del Vulture per i vini che riesce a donare è davvero straordinario, il simbolo di questo fazzoletto di terra vulcanica, nel quale il vitigno aglianico si esprime in longevità, è il centenario marchio Paternoster acquisito nel 2016 dalla famiglia veronese Tommasi.

Paternoster ha una lunga storia, il capostipite Anselmo nel 1925 iniziò il percorso con l’aglianico, prima in versione spumante, poi l’affermazione come grande vino rosso da invecchiamento. L’azienda, nel corso degli anni, è stata un modello per il comprensorio, i Tommasi adesso rilanciano puntando sempre più su vini che esprimano le caratteristiche uniche del luogo

Un’eruzione vulcanica di oltre 130 milioni di anni fa ha disegnato i confini della denominazione del Vulture e cinque fiumi attraversano le colline che raggiungono altitudini di oltre 600 metri. Il suolo di tufo poroso trattiene le piogge invernali, e da una riserva importante durante i caldi mesi estivi della Basilicata. Qui matura l’aglianico del Vulture.

i vigneti e la moderna cantina Paternoster

Il connubio Paternoster-Tommasi, oggi, continua a dare vini identitari, sia per biotipo di aglianico locale allevato in condizioni pedoclimatiche uniche, sia per la sapiente conoscenza che ne ha l’enologo Fabio Mecca Paternoster.
La cantina di Barile conduce 20 ettari in biologico con una produzione annua complessiva di 150.000 bottiglie.

Iniziamo il nostro focus sui vini Paternoster con la bellissima verticale del Don Anselmo Aglianico del Vulture Docg, vino simbolo dell’azienda e dell’intero Vulture. All’interno della bottiglia c’è tutto il cuore della famiglia Paternoster, dedicato al capostipite Don Anselmo.
È il vino che rappresenta la forza, il cuore, la passione, la determinazione e il coraggio di una famiglia che, per quasi cento anni attraverso quattro generazioni, ha lavorato nel Vulture.

Fabio Mecca Paternoster parla della storia del Don Anselmo prima dell’inizio della verticale

L’enologo Fabio Mecca Paternoster ci presenta questo vino che nasce nel 1985, il primo vino affinato in rovere di Slavonia e non in castagno come sempre si era fatto nel Vulture, il castagno in realtà aumentava l’aspetto tannico già largamente presente nell’aglianico.
Le prime annate nascono dalla selezione delle vigne più vecchie ed erano affinate in cemento, poi dal 2005 è stato vinificato da unico vigneto in acciaio e poi affinato in legno di rovere per 20 mesi, seguito da altri sei mesi in acciaio
I terreni sono composti da cenere compressa e roccia spugnosa vulcanica frantumata. Don Anselmo è prodotto solo nelle annate migliori, nasce da 700 gr per pianta che donano da 9000 a 12000 bottiglie.

Don Anselmo Aglianico del Vulture Docg
Lo abbiamo assaggiato dalla 2015 fino alla 1998

2015
Colore rubino, naso giovane con note fruttate piene, spezie piccanti, china, e fragoline di bosco, sorso minerale e ferroso, componente ematica evidente, tannino vivo, buona lunghezza di rabarbaro e frutti rossi. 90/100

2013
Colore rubino con lampi granato, naso su toni di frutti rossi, note di liquirizia, grafite, balsamo e spezie. Sorso vibrante, teso, un tannino vivo ed accattivante, freschezza in lunghezza balsamica. 93/100

2010
Naso molto intrigante, note floreali di viola, fruttate di ciliegia e amarena, poi note agrumate, speziate, e terziarie di fungo, humus, cacao amaro, e percezioni balsamiche. Sorso vivo, tannino perfettamente integrato, pieno e godibile con una chiusura minerale. 94/100

2005
Colore granato meno lucente, naso dal frutto maturo, spezie dolci, cannella, cacao, sensazioni nette di humus, fungo e tartufo. Al sorso nerbo acido e tannico incredibilmente presente, nota calorica importante, chiusura lunga di corrispondenza olfattiva. 90/100

2000
Che bel millesimo. Colore granato, naso espressivo e sorprendentemente pimpante, ciliegia, mora e amarena sotto spirito, spezie piccanti e dolci, note terziarie calibrate, bella la nota vegetale. Sorso perfetto tra calore, freschezza e lunghezza gustativa. 95/100

1998
Colore granato, naso su toni più caldi rispetto alla 2000 con frutto macerato e spezie dolci, sorso alcolico, ma intrigante con terziario in evidenza, lunga la scia finale molto piacevole. 93/100

Il Don Anselmo, seppur nella diversità dei vari millesimi, è un vino di gran longevità e di grandissimo fascino.

Abbiamo anche assaggiato

L’etichetta celebrativa del Calibro 2011

Calibro 2011 Aglianico Del Vulture
Il Calibro 2011 è una bottiglia celebrativa, dedicata a Pino Paternoster, prodotta solo in poche migliaia di esemplari e solo nell’annata 2011. Dopo l’assemblaggio delle basi migliori, il vino viene fatto riposare per un anno in vasche di cemento.
Teso e minerale, sprigiona frutti rossi di buona maturità, note di macchia mediterranea, spezie, humus e bella grafite. Al palato ha ancora intensa acidità balsamica, tannino raffinato e permane nel lungo sorso sottile e speziato.

La nuova etichetta di Vulcanico Falanghina 2021

Vulcanico Falanghina Basilicata Igt 2021
Falanghina di grande piacevolezza olfattiva con floreale di glicine, fruttato di melone e  pesca bianca, albicocca, salvia e belle note minerali. Sorso ben calibrato, fresco, piacevolmente fruttato e sapido.

Vulcanico Falanghina Basilicata Igt 2017
Splendido naso integro di frutta a polpa bianca e gialla non troppo matura, papapya, mango, note vegetali e speziate. Sorso pieno e teso, di giusto calore e sapidità in lunghezza.

Barigliot 2020 Aglianico del Vulture
Un aglianico giovane, Barigliott è il nome dialettale che indica la sua origine di Barile. Semplice ed immediato, dal calice sprigiona note di rosa, di viola, lamponi e frutti di bosco, sensazioni di macchia mediterranea, bevendolo avvolge il palato con pienezza, tannino levigato, freschezza del frutto e persistenza frutto-sapida.

Synthesi 2018 Aglianico del Vulture
Nasce da una vinificazione composita, i grappoli macerano in acciaio per una decina di giorni, l’affinamento avviene per l’80% in botti grandi di rovere di Slavonia e per il restante 20% in barriques francesi. Espressione di piacevolezza, ha profilo olfattivo intenso e profondo con mora e amarena, chiodi di garofano, pot-pourri di spezie dolci, balsamo e vaniglia. Palato pieno, sorretto da tannini fini e lunga scia sapida.

Don Anselmo 2016 Aglianico del Vulture Docg
Abbiamo assaggiato anche l’ultima annata del Don Anselmo. Bello il colore rosso rubino vivo, ha naso ricco di fruttato di visciola e mirtillo, sensazioni speziate di vaniglia, caffè e cioccolato. In bocca di grande freschezza progredisce tra frutto e balsamo, dal tannino vivo, ha bella lunghezza gustativa. Piacevolissimo

Rotondo 2000 Aglianico del Vulture
Dall’omonima contrada, vinificato in acciaio e successivamente lasciato maturare in barrique di rovere francese per 14 mesi. Prestazione aromatica piene di suggestioni di pout-pourri di fiori secchi, bacche di frutti rossi sotto spirito, poi cenere, vaniglia e pepe nero. Coerenza, piacevolezza e tannico arrotondato, dal gusto più internazionale, chiude di lunghezza gustativa con ritorni fruttati e minerali.

© Riproduzione riservata