Vinitaly China Roadshow

Con un significativo impulso alla ripresa del mercato del vino cinese dopo la pausa indotta dalla pandemia, il Vinitaly China Roadshow è destinato a fare il suo attesissimo ritorno questo mese, con interessanti iniziative e momenti di formazione.

L’evento, in programma dall’11 al 15 settembre 2023, toccherà tre grandi città cinesi: la capitale del paese, Pechino, Changsha, un’importante capitale culinaria cinese nella Cina centrale, e Hangzhou, il cuore dell’e-commerce cinese in rapida espansione. Il roadshow è pronto a rivitalizzare il settore, riaccendendo il commercio e mettendo in mostra i migliori vini italiani, nel paese più significativo per potenziale di crescita.

Il successo del roadshow affonda le sue radici in solide partnership, a partire dalla collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dal sostegno fornito dall’Agenzia ITA/ICE. L’edizione 2023 metterà in luce un notevole schieramento di 60 aziende, presentando oltre 600 etichette. Il roadshow di quest’anno segna un primato storico in quanto tre prestigiosi Consorzi vinicoli italiani convergono in Cina, superando le sfide poste dal Covid-19.

LEGGI ANCHE: Vinitaly a Wine to Asia: l’Italia protagonista con il più grande padiglione mai allestito in Cina

Il Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, il Consorzio per la Tutela del Franciacorta e il Consorzio Tutela Vini Valpolicella presenteranno le rispettive eccellenze vinicole, arricchendo l’offerta dell’evento. All’appuntamento si affiancano le attività formative (masterclass) condotte da ITA/ICE; inoltre, con una mossa strategica per connettersi non solo con gli importatori ma anche con i venditori in Cina, l’Italian Wine Week si espanderà in tutte le città del percorso del roadshow.

Questo allargamento prevede la partecipazione di oltre 90 bar, bistrot, piattaforme e-commerce e punti vendita, con l’iniziativa curata da Veronafiere e quattro partner locali. Questo approccio riflette un impegno senza precedenti nel coinvolgere i principali attori del mercato del vino cinese.

© Riproduzione riservata