Oltre nove milioni di bottiglie prodotte, circa il 7% in più rispetto al 2019, e una domanda che supera l’offerta per il Morellino di Scansano Docg, il vino prodotto nella bassa Toscana.

È questa la situazione corrente alle soglie dell’Anteprima 2022 Chianti Lovers e Rosso Morellino, in programma alla Fortezza da Basso di Firenze il prossimo 20 marzo.

L’indagine, condotta da LT Wine & Food Advisory per il Consorzio di Tutela del Morellino di Scansano, ha preso in esame alcuni dei principali indicatori di una denominazione in costante e attiva dinamicità che da alcuni anni mostra un trend di crescita, tenuto conto del miglioramento del posizionamento dei suoi vini.

Con un controvalore di circa 51 milioni di euro, lo scorso anno sono state 9,2 milioni le bottiglie in produzione con la fascetta ministeriale della Docg. Distribuzione nazionale per l’80%, mentre il 20% ha avuto come destinazione Stati Uniti, Germania, Belgio e Svizzera.

Morellino di Scansano sugli scudi non solo per l’incremento dei volumi del 5,3%, ma anche del corrispettivo valore ad un +6,7% dovuto alla crescita del prezzo medio dell’1,2%. Andamento crescente anche nel canale Ho.Re.Ca., testimoniato anche dalla maggiore presenza nelle carte dei vini dei ristoranti nazionali ed esteri.

In ascesa anche la tendenza del vino sfuso. Il prezzo per ettolitro della Docg toscana continua a crescere ininterrottamente dal 2019, facendo registrare nel gennaio 2022 un aumento del 47% con un valore di 330 euro.

© Riproduzione riservata