La copertina del libro

Celebrato e conosciuto in tutto il mondo, il territorio del Barolo protagonista agli “International Gourmand Awards” con un libro interamente dedicato a uno dei paesaggi vitivinicoli più affascinanti in Italia.

Un libro dedicato a uno dei territori più celebri e iconici del vino italiano trionfa agli “International Gourmand Awards”, edizione n. 28, premio dedicato ai libri di cucina, alle televisioni enogastronomiche di tutto il mondo: il libro “Barolo Terroir – Grapes Crus People Places”, scritto dai wine writer Ian D’Agata e Michele Longo, ha vinto il “Best in the World 2023” nella sezione “Vino d’Europa”.

Si tratta di un libro con oltre 500 pagine, dettagliato, aggiornato e approfondito mai scritto prima sul Barolo, uno dei vini più importanti e amati al mondo. Barolo Terroir è un viaggio nella memoria, fornendo allo stesso tempo una conoscenza approfondita del Barolo sul suo presente, nonché una visione del futuro del “re dei vini e il vino dei re”.
Il libro presenta al suo interno le descrizioni più complete e scientificamente ricercate di sempre del Nebbiolo Lampia, Michet e Rosé, e di tutti i loro biotipi e cloni; elenchi mai pubblicati prima di quali tenute possiedono quali biotipi di Nebbiolo; la storia del Barolo e della sua cronologia; interviste inedite ai produttori del Barolo e note di degustazione sui vini e più di 250 tabelle, grafici e mappe di facile consultazione delle Unità Territoriali del Barolo, delle contrade vitate, della geologia e della geografia

“Oltre 500 pagine per conoscere meglio il Barolo, curate da due straordinari autori. Questo libro va ben oltre ogni pubblicazione precedente, e diventa un must per ogni professionista del vino, ma anche per ogni appassionato che voglia capire come e perché questo vino si trovi sulle tavole di tutto il mondo” ha scritto la giuria nella motivazione.

LEGGI ANCHE: I Grandi Terroir del Barolo: tutte le cantine protagoniste dell’evento

Il wine writer Ian D’Agata firma anche la regia dell’evento “The Great 100 Italian Wineries of Italy”, a Shanghai l’8-9 luglio, che porta in Cina i grandi marchi del vino made in Italy: sarà un grande party, ma basato sul business e sulla comunicazione, che vedrà protagoniste 100 tra le migliori cantine italiane, 1.000 professionisti e appassionati attesi e altri 15.000 partecipanti agli eventi ufficiali in live streaming online, con un’esposizione mediatica stimata di 10 milioni di persone tra addetti ai lavori e wine lovers .

Ma c’è anche la vittoria di un altro libro italiano, firmato da Iginio Massari, che con il suo “L’eccellenza della pasticceria dalla A alla Z” (Italian Gourmet) è primo nella sezione “Pasticceria Pro”. 

© Riproduzione riservata