Torna Vinitaly e torna OperaWine. Dalla prestigiosa collaborazione di Veronafiere e Vinitaly con l’autorevole rivista del vino americana “Wine Spectator” riecco l’evento première della prestigiosa fiera veronese.

Probabilmente il modo più elegante di “aprire le danze” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati, l’appuntamento più affascinante e più atteso dell’agenda del vino in Italia. Una celebrazione esclusiva nata dieci anni fa che permette di far conoscere agli operatori specializzati di tutto il mondo i migliori vini italiani.

Diversi etichette vengono sottoposte al giudizio degli esperti di Wine Spectator, massimo riferimento per il vino internazionale. Sulla base di diversi criteri, in seguito, i giudici assegnano dei punteggi ai vini dopo un attento ed accurato esame organolettico. Dopo la valutazione eccelleranno i migliori produttori della Penisola. Aziende di tutta Italia che, pur denotando differenze di stili, terroir ed ettari di estensione, sono intersecate da un filo rosso comune: l’alta qualità dei prodotti.

Una kermesse di respiro internazionale che, oltre ad essere una interessante vetrina che proietta i migliori vini italiani verso l’export sui grandi mercati esteri, offre la possibilità a giornalisti e operatori di settore l’accesso esclusivo a questa Finest Italian Wines Selection di Wine Spectator.

Appuntamento il 9 aprile prossimo, dunque, il giorno prima dell’inizio del Vinitaly, con quella che sarà l’edizione più grande secondo Wine Spectator. Una “Top 100” che in questa edizione 2022 sarà una “Top 130“. Non più alla storica sede di Palazzo della Gran Guardia, però, vicino l’Arena, bensì alle nuove Gallerie Mercatali.

Obiettivo della rivista è avere almeno una cantina per regione. Non mancano mai, ovviamente le “grandi”. Alla Toscana la fetta più ricca con ben 36 etichette. Seguono Piemonte (20) e Veneto (19). Poi, a seguire, Sicilia (8), Trentino Alto Adige (6), Campania (6). Un giro d’Italia spazio-temporale che tocca i quattro angoli della Penisola con annate che partono dalla 2020 (Les Crêtes – Chardonnay Valle d’Aosta Cuvée Bois) e che scendono via via fino alla 2002 (Ar.Pe.Pe. – Valtellina Superiore Sassella Riserva Rocce Rosse).

Ecco la lista dei selezionati da Wine Spectator:

Abruzzo
Binomio – Binomio Montepulciano d’Abruzzo Doc Riserva 2016
Masciarelli – Montepulciano d’Abruzzo Villa Gemma Riserva 2015

Basilicata
D’Angelo – Aglianico del Vulture Caselle 2012
Grifalco della Lucania – Aglianico del Vulture Superiore Damaschito 2015
Tenuta del Portale – Aglianico del Vulture Palmenti 2013

Calabria
Librandi – Val di Neto Gravello 2014
Vincenzo Ippolito – Colli del Mancuso Cirò Rosso Classico Superiore Riserva 2015

Campania
Feudi di San Gregorio – Fiano di Avellino Docg 2019
Mastroberardino – Stilèma Greco di Tufo Docg 2017
Montevetrano – Igt Colli di Salerno Rosso “Montevetrano” 2009
Quintodecimo – Taurasi Vigna Quintodecimo Riserva 2014

Friuli Venezia Giulia
Bastianich – Venezia-Giulia Red Calabrone 2015
Jermann – Venezia-Giulia Vintage Tunina 2018
Livio Felluga – Rosazzo Abbazia di Rosazzo 2016
Marco Felluga – Sauvignon Collio Riserva Russiz Superiore 2017
Vie di Romans – Pinot Grigio Friuli Isonzo Dessimis 2019

Lazio
Famiglia Cotarella – Montiano 2015

Liguria
Cantine Lunae Bosoni – Vermentino Colli di Luni-Liguria Black Label 2018
Terenzuola – Colli di Luni Vermentino Fosso di Corsano 2018

Lombardia
Ar.Pe.Pe. – Valtellina Superiore Sassella Riserva 2002 Rocce Rosse
Ca’ del Bosco – Franciacorta Annamaria Clementi 2011
Guido Berlucchi – Berlucchi Palazzo Lana Riserva 2009
Nino Negri – Sfursat 5 Stelle 2016
Rainoldi – Valtellina Superiore Sassella Riserva 2007

Marche
Bisci – Verdicchio di Matelica Vigneto Fogliano 2019
Garofoli – Podium 2016
Umani Ronchi – Conero Campo San Giorgio Riserva 2012

Molise
Catabbo – Tintilia del Molise 2018

Piemonte
Aldo Conterno – Barolo Romirasco 2012
Antoniolo – Gattinara San Francesco Riserva 2017
Braida di Giacomo Bologna – Bricco dell’Uccellone 2017
Cavallotto – Barolo Bricco Boschis Vigna San Giuseppe Riserva 2013
Elvio Cogno – Barolo Ravera 2013
Falletto di Bruno Giacosa – Barbaresco 2016 Asili Riserva
G.B. Burlotto – Barolo Monvigliero 2016
G.D. Vajra – Barolo Bricco delle Viole 2010
Giuseppe Mascarello & Figlio – Barolo Monprivato 2017
Luciano Sandrone – Barolo Aleste 2017
Massolino – Barolo Vigna Rionda Riserva 2010
Michele Chiarlo – Nizza Cipressi
Oddero – Barolo Vignarionda Riserva 2009
Paolo Scavino – Bric del Fiasc Riserva 2008
Pecchenino – Barolo Le Coste di Monforte 2008
Pio Cesare – Barolo Mosconi 2016
Produttori del Barbaresco – Barbaresco Montestefano Riserva 2015
Renato Ratti – Barolo Rocche dell’Annunziata 2011
Roagna – Barolo Pira 2016
Vietti – Barolo Villero Riserva 2013

Puglia
Gianfranco Fino – Primitivo Salento ES 2015
Leone de Castris – Salice Salentino Donna Lisa Riserva 2017
Tormaresca – Aglianico Castel del Monte Bocca di Lupo 2016

Sardegna
Agricola Punica – Agricola Punica Isola dei Nuraghi Barrua 2012
Tenute Sella & Mosca – Cannonau Riserva 2018

Sicilia
Benanti – Etna Bianco Superiore Pietra Marina 2016
Cusumano – Salealto Tenuta Ficuzza 2018
Donnafugata- Passito di Pantelleria Ben Ryé 2018
F. Tornatore – Trimarchisa Etna 2016
Graci – Etna Rosso Arcurìa “Sopra il Pozzo” 2016
Morgante – Nero d’Avola Doc Sicilia Riserva Don Antonio 2016
Planeta – Eruzione 1614 Nerello Mascalese 2018
Tasca d’Almerita – Contrada Sciaravuova V.V. 2017 Tenuta Tascante

Trentino Alto Adige
Cantina Terlano – Cantina Terlano Sauvignon Alto Adige Terlano Quarz 2019
Cantina Tramin – Troy Chardonnay Riserva 2016
Elena Walch – Beyond the Clouds 2019
Ferrari – Brut Perlé 2007
Maso Martis – Madame Martis Riserva 2009
Tenuta San Leonardo – Vigneti delle Dolomiti Red San Leonardo 2015

Toscana
Altesino – Brunello di Montalcino Riserva Docg 2015
Antinori – Guado al Tasso 2018
Avignonesi – Vino Nobile di Montepulciano Poggetto di Sopra 2016
Baricci – Brunello di Montalcino 2013
Barone Ricasoli – Chianti Classico Gran Selezione Castello di Brolio 2015
Biondi-Santi – Brunello di Montalcino Tenuta Greppo Riserva 2004
Boscarelli – Vino Nobile di Montepulciano Il Nocio 2016
Canalicchio di Sopra Brunello di Montalcino 2012 Riserva
Carpineto – Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2016
Casanova di Neri – Brunello di Montalcino Tenuta Nuova 2012
Castellare di Castellina – Igt Toscana I Sodi di San Niccolò 2017
Castello Banfi – Brunello di Montalcino Poggio all’Oro Riserva 2015
Castello di Albola – Chianti Classico Santa Caterina Gran Selezione 2015
Castello di Ama – Castello dì Ama Vigneto La Casuccia 2006
Castello di Monsanto – Chianti Classico Gran Selezione Vigna Il Poggio 2015
Castello di Volpaia – Il Puro Casanova Chianti Classico Gran Selezione 2017
Eredi Fuligni – Brunello di Montalcino Riserva Docg 2010
Fattoria di Fèlsina – Toscana Fontalloro 2013
Fontodi – Chianti Classico Vigna del Sorbo Riserva 2010
Il Poggione – Brunello di Montalcino 2015 Riserva Vigna Paganelli
Istine – Chianti Classico Levigne Riserva 2016
Le Macchiole – Le Macchiole Toscana Messorio 2015
Marchesi de’ Frescobaldi – Ripe al Convento di CastelGiocondo Brunello di Montalcino Riserva 2015
Mastrojanni – Brunello di Montalcino 2013 Vigna Loreto
Mazzei – Siepi 2015 Toscana
Ornellaia – Ornellaia Bolgheri Superiore 2009
Petrolo – Petrolo Val d’Arno di Sopra Galatrona 2019
Poggerino – Chianti Classico Bugialla Riserva 2015
Rocca delle Macìe – Chianti Classico Gran Selezione Trinità 2016 Limited Edition
San Felice – Vigorello Toscana 2018
San Filippo – Brunello di Montalcino Le Lucère 2015 Riserva
San Giusto a Rentennano – Percarlo 2010
Siro Pacenti – Brunello di Montalcino Vecchie Vigne 2010
Tenuta di Trinoro – Trinoro 2015
Tenuta San Guido – Sassicaia 2011
Valdicava – Valdicava Brunello di Montalcino Madonna del Piano Riserva

Umbria
Lungarotti – Torgiano Rubesco Vigna Monticchio Riserva 2013
Scacciadiavoli – Montefalco Sagrantino 2011
Tabarrini – Sagrantino Campo alla Cerqua 2012

Valle d’Aosta
Les Crêtes – Chardonnay Valle d’Aosta Cuvée Bois 2020

Veneto
Allegrini – La Poja Igt Veronese 2012
Bertani – Amarone della Valpolicella Classico 2010
Cesari – Amarone della Valpolicella Classico Bosan Riserva 2010
Gini – Soave Classico Contrada Salvarenza Vecchie Vigne 2012
Leonildo Pieropan – Leonildo Pieropan Soave Classico La Rocca 2015
Maculan – Acininobili 2004
Masi – Amarone Classico Mazzano 2006
Prà – Prà Soave Classico Otto 2014
Roberto Anselmi – Capitel Croce 2019
Romano Dal Forno – Amarone della Valpolicella 2010
Suavia – Soave Classico Monte Carbonare 2015
Tedeschi – Capitel Monte Olmi Amarone della Valpolicella Classico Riserva 2011
Tommasi – Tommasi Amarone della Valpolicella Classico Docg Riserva “De Buris” 2010
Tommaso Bussola – Amarone della Valpolicella Doc “TB” “Vigneto Alto” 2007
Zenato – Amarone Riserva Sergio Zenato 2006
Zymè – Amarone Classico della Valpolicella Riserva La Mattonara 2003
Desiderio Bisol & Figli – Bisol 1542 Cartizze Dry, Valdobbiadene Prosecco Superiore di Cartizze Docg
Mionetto – Dry Valdobbiadene Superiore di Cartizze NV
Nino Franco – Grave di Stecca 2014

Fonte: Veronafiere

© Riproduzione riservata