Grande novità per una nota catena di supermercati inglese, dove le bottiglie di vino in vetro da 187 ml verranno sostituite da lattine di alluminio. Tanti sono gli spunti di riflessione e le prospettive da valutare.

A partire da gennaio, la catena di supermercati inglese Waitrose introdurrà lattine di alluminio nei formati da 187 ml, 200 ml e 250 ml in sostituzione delle bottiglie di vino in vetro da 187 ml. Una scelta che rientra all’interno di un concept aziendale ben preciso: si tratta di un’operazione di marketing che segue il trend internazionale ma anche di un’azione importante in termini di sostenibilità che porta il cliente a orientarsi verso scelte sempre più green.

In Uk la catena di supermercati di fascia alta Waitrose, a detta dell’associazione di consumatori britannici Which?, è riuscita a distinguersi nel 2022 proprio per per le sue politiche anti-spreco e per la consistente riduzione dei rifiuti plastici. Un riconoscimento importante che le ha permesso di pensare e adottare percorsi sempre più sostenibili infatti, da qui deriva il desiderio per il nuovo anno di ridurre maggiormente l’impronta di carbonio delle bevande da asporto, mentre resteranno nel vetro champagne, prosecco, cava e rioja, per le restrizioni imposte da quelle particolari denominazioni.

LEGGI ANCHE: In Gran Bretagna, Usa e Australia la nuova tendenza è il vino in lattina

Una scelta che dovrebbe far risparmiare oltre 300 tonnellate di imballaggi in vetro e dimezzare l’impronta di carbonio per ciascuna bevanda. Essendo in alluminio, infatti, le lattine risultano riciclabili e richiedono meno energia per il trasporto in quanto sono più leggere e occupano meno spazio delle bottiglie di vetro.

Secondo gli ambientalisti, invece, questa non è una scelta consona né tanto meno sostenibile, dal momento che il vero problema sarà il formato più piccolo dell’imballaggio rispetto al suo contenuto che porterà a un maggiore impatto ambientale importante. 

Prospettive da non sottovalutare che si legano al pensiero di molti wine lovers “puristi” per nulla concordi con questa idea “rivoluzionaria”. Intanto, le etichette in lattina stanno conquistando il mondo, soprattutto il pubblico più giovane: Nord Europa e Usa sono in cima alla lista, e anche l’Italia inizia ad apprezzare i nuovi prodotti pratici dal design accattivante. 

A livello mondiale, i numeri parlano chiaro, quello del vino in lattina è un mercato in ascesa dove Stati Uniti, Australia ed Inghilterra si posizionano in testa con cifre da capogiro che, stando ai dati Nielsen, hanno superato 180 milioni di dollari nel 2021 grazie anche a una fetta importante di millennials, che ha trovato in questo nuovo packaging la scelta più pratica e veloce e soprattutto a basso impatto ambientale.  

© Riproduzione riservata