Presentate al Vinitaly le prime bottiglie da Vitrarolo, vinificate in territorio di Marsala, vitigno resistente alla siccità e alle malattie che può produrre un vino versatile, sia di pronta beva che destinato all’invecchiamento.

Si chiama Vitrarolo perché le piante, al momento della potatura, nel periodo invernale, fanno un rumore che ricorda il vetro che si rompe. È il vitigno reliquia sul quale hanno scommesso due famiglie del vino siciliane nel segno della valorizzazione delle varietà autoctone.

Adesso, la rievoluzione del vino siciliano ha ridato dignità a un vitigno a bacca rossa, che gli studi enologici hanno incoronato a varietà ideale per la resistenza alla siccità e alle malattie, due caratteristiche che nel futuro avranno enorme importanza.

I primi grappoli di Vitrarolo coltivati dall’azienda Pulizzi in contrada Marcanza in territorio di Marsala, e vinificate dalla cantina Fina sono state stappate oggi nel corso della presentazione di questo nuovo vitigno al Padiglione 2Sicilia

“Parlare oggi di Vitrarolo – ha spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura Luca Sammartino – vuol dire parlare delle radici storiche del nostro territorio esaltate negli anni da altri vitigni reliquia “cugini” di questa varietà alla quale auguro la stessa fortunaEntrare nel parterre dei vitigni autoctoni siciliani di nuova produzione significa dar credito alla ricerca e investire su di essa guardando alla proiezione dei mercati”.

All’incontro ha preso parte anche Dario Cartabellottadirettore generale dell’assessorato all’Agricoltura che ha ricordato il pioniere della valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Diego Planeta e la “follia omicida” dei viticoltori degli Anni Sessanta che eliminarono il Vitrarolo come altri vitigni reliquia dai loro vigneti. 

Attualmente il Vitrarolo è coltivato su duemila mq di terreno che hanno prodotto 20 quintali di uva per la produzione di 1.600 bottiglie divise a metà fra la famiglia Fina (vinificatori) e Pulizzi (conferitori delle uve). Le prime bottiglie di Vitrarolo prodotte dall’azienda Fina. 

E’ un vitigno che si comporta in maniera eccezionale – hanno raccontato Francesco e Pietro Pulizzi, padre e figlio, rispettivamente agronomo ed enologo dell’azienda – è molto resistentesia alla siccità che alle malattie. La sua produzione è frutto della lungimiranza dell’Amministrazione regionale che ha sposato il progetto durato 20 anni. Nel 2019 il Vitrarolo è stato iscritto nel registro nazionale delle varietà vinicole 2018 iscrizione nel registro nazionale dell’anagrafe viticola”. 

Per Bruno e Federica Fina, anche in questo caso una storia di padre e figliaLa storia dell’evoluzione dell’enologia siciliana partita con Diego Planeta continuae bisogna dare merito all’assessorato regionale all’Agricoltura e ai suoi funzionari che hanno creduto e sostenuto il nostro progettoÈ un vitigno interessantissimo non paragonabile ad altri vitigni autoctoni siciliani, è resistente, matura ai primi di settembre, ha un colore intenso e può evolvere sia in legno che in una bottiglia di pronta beva. Siamo convinti che potrà darci grandi soddisfazioni”.

© Riproduzione riservata