Sorsi di solidarietà – Radda per la Romagna

A Radda in Chianti un interessante evento di beneficenza che vedrà come protagonista il Sangiovese chiantigiano e quello romagnolo.

Tutto pronto per “Sorsi di solidarietà – Radda per la Romagna”, l’iniziativa benefica organizzata dalla Pro Loco di Radda in Chianti insieme all’Associazione Vignaioli e ai produttori di vino locali.

L’appuntamento è per sabato 2 settembre alle 18,30 in piazza Ferrucci nel borgo chiantigiano con una degustazione guidata dal giornalista Carlo Macchi di Winesurf.it che vedrà a confronto il Sangiovese chiantigiano con quello romagnolo.

La serata all’insegna della solidarietà è nata per aiutare i territori che hanno subìto danni nel disastro atmosferico dello scorso maggio in Romagna e vedrà otto aziende partecipanti dai due territori.

Nei bicchieri saranno messi a confronto il Sangiovese romagnolo di Vigne dei Boschi (Brisighella), Villa Papiano (Modigliana), Costa Archi (Faenza/Castel Bolognese/Serra), Marta Valpiani (Castrocaro) e quello raddese di Tenuta di Corleone, Istine, Caparsa e Poggerino.

LEGGI ANCHE: Il Consorzio Vini di Romagna riparte con l’Anteprima del Sangiovese di Romagna

Seguirà un buffet conviviale con una selezione di prodotti tipici delle due regioni, bruschetta con olio extravergine di oliva di Brisighella, salumi di Mora Romagnola, pappa al pomodoro, arista al forno e roastbeef e cantuccini, il tutto accompagnato dalle etichette in degustazione.

Il numero di partecipanti è limitato (max 80 posti) ed il costo a persona è di 45,00 euro da versare anticipatamente alla Pro Loco di Radda in Chianti seguendo le istruzioni sul sito internet www.raddanelbicchiere.net/radda-per-la-romagna/

Chi non può partecipare di persona a “Sorsi di solidarietà – Radda per la Romagna” ma vuol comunque contribuire alla gara di solidarietà organizzata dalla Pro Loco di Radda in Chianti può farlo seguendo le istruzioni sul sito.

In caso di pioggia l’evento si terrà in una location alternativa che verrà comunicata tempestivamente anche sui social.

© Riproduzione riservata