Grandi prospettive per il settore degli alcolici, con una crescita del 2,5% entro il 2031. Questo è quanto emerge da uno studio condotto da Straits Research.

La categoria globale degli alcolici è stata valutata a 1,6 trilioni di dollari nel 2022 ed è destinata ad aumentare di un tasso di crescita annuale composto (Cagr) del 2,5% entro il 2031. Lo rivela il nuovo rapporto di Straits ResearchMercato delle bevande alcoliche: informazioni per canali di distribuzione (supermercati, negozi di liquori, minimarket, negozi di alimentari e vendita al dettaglio online), tipo e previsioni per regioni fino al 2031″.

L’aumento di valore per il mercato sarà guidato dall’aumento della domanda e da un aumento della popolazione giovane adulta, secondo la società. Il mercato sta attualmente prosperando grazie alle innovazioni e agli sviluppi nella produzione di vodka, cocktail, vino aromatizzato e birra. Gli alcolici sono risultati essere la seconda categoria più dominante, dopo la birra.

Il settore ha anche beneficiato della crescente tendenza alla socializzazione e agli incontri infrasettimanali/fine settimana tra giovani e professionisti che lavorano. Nelle aree urbane, l’aumento del reddito disponibile, la socializzazione notturna e i lavori ad alta pressione hanno portato a un aumento del consumo di alcol. La crescita degli acquisti di alcolici nel canale dei supermercati può essere attribuita alle partnership tra retailer e “attori significativi” nell’industria globale delle bevande alcoliche.

LEGGI ANCHE: Assemblea Federvini: grandi numeri per l’economia italiana del mercato di vini, spiriti e aceti

Mentre il mercato in più rapida crescita è risultato essere l’America, il mercato più grande è stato individuato nell’Europa. In Europa, Straits Research ha citato Eurostat per sottolineare che più di un terzo degli europei di età pari o superiore a 15 anni consuma alcol almeno una volta alla settimana. Inoltre, il Regno Unito ha una maggiore domanda di alcol, con il 45% degli intervistati che beve una volta alla settimana, rispetto al 41% in Irlanda e Lussemburgo e al 40% in Germania e Danimarca.

In Nord America, che costituisce una parte significativa del mercato, un fattore trainante dell’espansione del mercato per il segmento degli alcolici è l’innovazione di prodotto. Inoltre, si prevede che il whisky crescerà del 3,2% entro il 2031 negli Stati Uniti.

Nella regione Asia-Pacifico, vi è una crescente domanda di bevande alcoliche e si prevede che il mercato crescerà “rapidamente”, con un Cagr del 2,5% entro il 2031. La regione sta attualmente registrando un aumento del consumo di alcol a causa del cambiamento degli stili di vita, di una maggiore disponibilità di denaro e di una popolazione relativamente giovane.

Infine, un’impennata della domanda di alcolici nel segmento della vendita al dettaglio duty free vedrà la categoria in Africa crescere in modo significativo in futuro. America Latina, Messico e Brasile sono tra i principali consumatori di alcol.

© Riproduzione riservata