Una lista di dieci eccellenti etichette italiane da regalare o bere in compagnia durante tutto il periodo delle feste natalizie.

Il calore delle luci, i regali sotto l’albero, le tavole imbandite di mille leccornie, ancora poche settimane e scoccherà l’ora del Natale nonchè della altre feste, tempi scanditi da momenti importanti passati assieme agli affetti più cari. Ed è proprio con loro, con le nostre famiglie e i nostri amici, che alzeremo i calici.

LEGGI ANCHE: Assovini Sicilia presenta a Milano le confezioni regalo dei vini siciliani

Studio Cru a tal proposito ha selezionato dieci vini adatti per accompagnare questi ultimi magici giorni dell’anno tanto attesi:

1.Abruzzo Pecorino Dop – Cantina Tollo

Abruzzo Pecorino Dop – Cantina Tollo

Intramontabile classico come il Barone Rampante di Italo Calvino a cui si ispira l’etichetta, l’Abruzzo Pecorino Dop di Cantina Tollo è un viaggio alla riscoperta di un vitigno appartenente da sempre alla storia di questa terra, che si estende dalle colline del litorale adriatico fino alle pendici della Majella. Un vino dalle infinite potenzialità, con sentori tropicali e intensi aromi di agrumi, pera e pesca bianca che si fondono con delicate erbe aromatiche ed eleganti note minerali.
Di colore giallo paglierino tenue con lievi riflessi verdolini, all’assaggio rivela ottima intensità in equilibrio con un’acidità spiccata, fresca e piacevole. Il finale è persistente, lungo e sapido.

2. Riviera del Garda Classico Groppello Doc – Sincette

Riviera del Garda Classico Groppello Doc – Sincette

Dai vigneti a conduzione biodinamica di Polpenazze del Garda (Brescia) Sincette, l’azienda agricola della famiglia Brunori, sorprende con il suo Riviera del Garda Classico Groppello Doc.
Di colore rosso rubino brillante, il profumo ricorda frutti di bosco rossi con leggeri sentori di rosa appassita e viola sul finale. Fresco e morbido all’assaggio, dalla piacevole acidità e con una buona persistenza. Il packaging estremamente curato, con bottiglie vestite da un’etichetta che riproduce le illustrazioni originali di Jean Blanchaert, gallerista e critico d’arte specializzato nel disegno a china, rendono il Groppello di Sincette anche un’interessante idea regalo per collezionisti intenditori.

3. Chardonnay Garda Doc – Cantine di Verona

Uno Chardonnay in purezza con note di vaniglia e frutta esotica, in cui acidità, mineralità e note di frutta si incontrano nel calice dando vita a un vino elegante e ben bilanciato; gli acini vengono raccolti a mano, fatti appassire fino a quaranta giorni e infine delicatamente pressati. Dopo una leggera macerazione il vino viene fatto fermentare e affinare in tonneaux di rovere.

4. Sobi – Bentu Luna

Sobi – Bentu Luna

Sobi di Bentu Luna, progetto enologico di Gabriele Moratti, è un rosso di Sardegna da vecchie vigne allevate ad alberello, interpretazione sorprendente del territorio e della cultura contadina millenaria dell’entroterra sardo. Le varietà che lo compongono provengono da diverse zone di Neoneli (Oristano), dove ha sede la cantina, e sono in prevalenza Bovale sardo, Cannonau e Monica.
Di colore rubino, al naso Sobi rivela sentori intensi e complessi, una ricchezza olfattiva definita e persistente: i frutti rossi si alternano a note speziate e aromatiche che ricordano la macchia mediterranea, soprattutto il mirto. In bocca risulta morbido e avvolgente, l’alcol è perfettamente dosato perché bilanciato da una vena di freschezza che scandisce il sorso e da un finale sapido.

5. Parosé 2016 – Mosnel

Parosé 2016 – Mosnel

Eletto Bollicina dell’Anno dalla guida Vini d’Italia 2023 del Gambero Rosso, Parosé 2016 di Mosnel nasce dal Fiore delle uve Pinot Nero e Chardonnay. Ciò che contraddistingue questo Franciacorta è la colorazione rosa tenue, dovuta alla lieve macerazione pellicolare. La parziale fermentazione in piccole botti di rovere e il riposo di più di 48 mesi sui lieviti ingentiliscono i tratti carnosi del frutto, donando delicate note di ribes, melograno e mandarino. Al naso si presentano anche freschi sentori di erbe officinali tra malva, tiglio ed eucalipto, con sfumature di nocciola. Il sorso è piacevolmente ravvivato da speziature di pepe rosso, con delicati ritorni agrumati e un finale elegante e persistente.

6. Radicale – Bellenda

Radicale – Bellenda

Radicale è l’espressione di un approccio diverso alla rifermentazione delle uve glera. Con questo spumante Bellenda presenta un Metodo Classico Ancestrale, fermentato in bottiglia per oltre 24 mesi e proposto senza sboccatura preliminare, così da evitare l’aggiunta di anidride solforosa. Un’interpretazione fuori dagli schemi con un perlage fine ed elegante, dal colore giallo paglierino. Al naso, oltre ai tipici caratteri varietali che ricordano la mela e la pera, spiccano sentori di lavanda, mora di gelso, kumquat e nocciola. Sapido, asciutto, lungo e pastoso in bocca, con il passare del tempo lo spumante sviluppa note di idrocarburi e profumi eterei, simili alla vernice.

7. 8.9.10 – Gravner

8.9.10 – Gravner

8.9.10 è il vino di Joško Gravner realizzato con una selezione di grappoli di ribolla completamente botritizzati, lasciati a lungo in pianta prima della vendemmia. I numeri che identificano questo vino si riferiscono alle tre annate nelle quali sono state vendemmiate le uve: il 23 novembre 2008, il 12 novembre 2009 e il 15 novembre 2010.
Alla fermentazione in anfora interrata, con lunga macerazione anche dei raspi, segue l’affinamento in piccole botti di rovere. 8.9.10 è stato imbottigliato con luna calante nel luglio 2015, senza chiarifica né filtrazione.
Di un caldo colore ambrato, questo vino al naso si rivela ampio e intenso, con sentori di fichi secchi e albicocca, fiori d’acacia e miele uniti a note balsamiche. La straordinaria complessità aromatica è tuttavia bilanciata da una grande freschezza e da una piacevole sapidità, rimanendo lungamente persistente in bocca.

8. Scipio 2018 – Tenuta Sette Cieli

Scipio 2018 – Tenuta Sette Cieli

Da uve biologiche selezionate 100% cabernet franc, coltivate a un’altitudine di 400 m.s.l. del mare, nasce Scipio, la perla di Tenuta Sette Cieli. Concentrato in pochissime e preziose bottiglie, con un lungo affinamento prima in barriques per 19 mesi e poi in vetro per 24 mesi, questo vino invoglia l’assaggio grazie a una sublime complessità aromatica che ricorda sentori di frutti rossi e spezie.
Lo stile della Tenuta si presenta preciso e rispettoso della materia prima, in un confronto continuo con la natura al fine di racchiudere in ogni bottiglia la personalità del terroir e la storia di ciascuna annata. Approccio evidente in Scipio 2018, che al naso sorprende con aromi complessi di frutta e note speziate, mentre in bocca convergono la grande struttura, la freschezza e la morbida eleganza, rendendolo un vino dal carattere raro.

9. Cristina Vendemmia Tardiva 2018 – Roeno

Cristina Vendemmia Tardiva 2018 – Roeno

Nella Valdadige Veronese, Roeno crea un vino dolce dalla grande personalità, che nella vendemmia tardiva e nella surmaturazione delle uve trova il giusto connubio tra Pinot Grigio, Chardonnay, Traminer Aromatico e SauvignonCristina Vendemmia Tardiva rappresenta l’equilibrata sintesi tra dolcezza e bevibilità. Dal colore giallo dorato, il vino esprime eleganza, morbidezza e sentori che ricordano la pesca, l’albicocca e i fichi secchi.

10. Scarnocchio Amarone della Valpolicella Classico Riserva Docg – Monte Del Frà

Scarnocchio Amarone della Valpolicella Classico Riserva Docg – Monte Del Frà

Scarnocchio Amarone della Valpolicella Classico Riserva Docg di Monte del Frà rappresenta la forza di un “cru” che nasce in alta collina nei diciotto ettari terrazzati di Scarnocchio, a Fumane (Verona). I vigneti dove crescono le uve utilizzate per questa Riserva traggono vantaggio dalla collocazione a 350/400 metri s.l.m., dalle escursioni termiche dovute alla vicinanza delle Prealpi e dal terreno tufaceo, argilloso e calcareo.
Il risultato è un Amarone di profondo carattere, di colore rosso rubino carico con riflessi granati. Al naso è intenso e complesso, con note di frutta gialla quale pesca e albicocca, ciliegie sotto spirito, prugne e liquirizia, e ancora fiori secchi appassiti, tabacco e spezie come il pepe nero. In bocca si presenta elegante, tannico e avvolgente.

© Riproduzione riservata