Enoarmonie, torna la grande musica da camera abbinata a vini d'eccellenza

“Enoarmonie. Degustare la musica, ascoltare il vino” torna il Festival che vede protagonisti la grande musica da camera abbinata alle degustazioni dei migliori vini del Friuli Venezia-Giulia.

Si è aperto domenica 16 aprile l’edizione 2023 dell’originale e imitato format del Festival EnoArmonie, curato dall’Associazione musicale Sergio Gaggia di Cividale, ideatrice di una formula che abbina all’ascolto della grande musica da camera l’assaggio dei migliori vini del territorio regionale e non solo. Tutto questo in luoghi spesso insoliti e ricchi di fascino: i pomeriggi musicali “viaggiano” infatti tra antiche sale nobiliari e moderne cantine, che si trasformano in speciali auditorium.

Dopo le cinque tappe in location dal fascino senza tempo, venerdì 2 giugno alle 18 si torna a Cividale, nella frazione di Spessa, presso l’Azienda Rodaro, la cui cantina si trasformerà ancora una volta in un eccezionale auditorium, grazie alle risonanti botti d’acciaio. Angelo Foletto, critico musicale de La Repubblica e Kostandin Tashko, pianista albanese pluripremiato, saranno i protagonisti del pomeriggio enoarmonico, assieme ai noti vini dell’azienda.

Torna dopo un anno di pausa nel circuito la rinomata azienda Jermann, nella cui sede a Ruttars di Dolegna domenica 11 giugno alle ore 18 dove si potranno degustare tre dei suoi celebrati vini, ascoltare le parole autorevoli di Guido Barbieri, altra storica voce di RAI Radio3, e l’arte dell’Orchestra Arrigoni, diretta da Domenico Mason.

LEGGI ANCHE: Al via Spumantitalia, il festival sulle bollicine a Riva del Garda

Domenica 18 giugno, alle ore 18, EnoArmonie approderà nel pieno centro storico di Udine, in una location straordinaria, raramente aperta al pubblico: il giardino segreto di Palazzo Asquini, incantevole cornice per le pagine barocche dell’opera X di Antonio Vivaldi, presentata dai Solisti da Camera di Alessandria, in collaborazione con il Festival Internazionale di Alba, nell’usuale gemellaggio enologico con il Piemonte cui EnoArmonie ha abituato il suo pubblico. La degustazione dei vini della Cantina sociale Barbera dei 6 Castelli sarà guidata dall’enologo e giudice internazionale Ico Turra.

Il festival si conclude a Mariano del Friuli domenica 25 giugno alle 19, con lo strumento con il quale aveva iniziato: il violoncello. Martina Biondicoadiuvata al pianoforte da Margherita Santi, presenteranno tre capolavori, per tre ideali fermate dell’Orient Express. Non ha bisogno di presentazioni Giovanni Bietti, massimo divulgatore italiano e ideatore delle Lezioni di Musica si RAI Radio3, nonché enologo professionista.

© Riproduzione riservata