Agronomo e dirigente dell’Assessorato Regionale Agricoltura, Giuseppe Bursi è un vero e proprio professionista del settore che egregiamente continuerà la sua carriera come presidente all’interno della Settesoli di Menfi, in provincia di Agrigento. Nominati anche i due vice presidenti Antonino Scirica e Pasquale Catalano.

La rielezione è avvenuta poche ore dopo durante il primo cda seguito alle elezioni di domenica scorsa. I duemila soci della Settesoli chiamati al voto si sono così espressi: Giuseppe Bursi con 616 voti, Antonino Scirica (603), Pasquale Catalano (597), Vincenzo Vetrano (571), Liborio Marrone (533), Antonino Li Petri (520), Leonardo Risalvato (500), Giuseppe Piazza (488), Carlo Argiroffi (489).

Quello di Bursi è il terzo mandato come presidente della Settesoli. Oggi l’azienda chiude il 2023 con un incremento sull’anno precedente. La vendita di vino sfuso sul fatturato pesa per circa il 20 per cento. Oltre venti i milioni di bottiglie prodotte, l’export tocca 42 Paesi.

LEGGI ANCHE: Bursi, presidente Settesoli: “Come affronto la crisi del vino che si sta per presentare”

La rielezione di Giuseppe Bursi è un importante segno di apprezzamento, nel segno di una continuità manageriale che ha portato importanti risultati sotto il profilo gestionale, economico e d’immagine. È, quello della continuità, un aspetto fondamentale per questa azienda vitivinicola che, fondata nel 1958, raggruppa oggi 6000 ettari di vigneto gestiti da 2000 soci che coltivano 34 varietà di uve nazionali ed internazionali

© Riproduzione riservata