Consorzio Italia del Vino

Il Consorzio Italia del Vino, leader nell’esportazione di settore, registra l’ingresso di tre realtà di pregio della vitivinicoltura nazionale.

Diesel Farm (Renzo Rosso e Arianna Alessi), Tenimenti Leone (Gruppo Calzedonia e Famiglia Veronesi) e Nosio spa (Gruppo Mezzacorona) sono le tre realtà di pregio della vitivinicoltura nazionale che da oggi fanno parte del Consorzio Italia del Vino.

25 soci, 250 milioni di bottiglie, 15mila ettari di vigneti in 17 regioni italiane e un fatturato aggregato di 1,6 miliardi di euro, con una quota dell’export pari al 15% del totale nazionale il Consorzio Italia del Vino si mostra in continua crescita.

LEGGI ANCHE: Il Gruppo Mezzacorona chiude il 2022 con un fatturato da record

Mezzacorona

Il Consorzio vede aderenti: Angelini Wines & Estates, Banfi, Bisol 1542, Ca Maiol, Cantina Mesa, Cantine Lunae, Casa Vinicola Sartori, Di Majo Norante, Diesel Farm, Duca di Salaparuta, Ferrari Fratelli Lunelli, Gruppo Italiano Vini, Librandi Antonio e Nicodemo, Marchesi di Barolo, Medici Ermete & Figli, Nosio Spa, Ronchi di Manzano & C., Santa Margherita Gruppo Vinicolo, Tenimenti Leone, Tenuta La Palazza, Terre de La Custodia, Terredora di Paolo, Torrevento, Zaccagnini e Zonin 1821.

“L’ingresso dei nuovi soci – ha dichiarato il presidente di Italia del Vino, Roberta Corrà – permette al Consorzio di completare un quadro significativo del settore con importanti innesti in termini di produzione e presenza sul mercato, ma anche approcci più intriganti grazie alle “contaminazioni” con un altro campione del made in Italy quale il comparto moda-tessile”.

© Riproduzione riservata