Toscana

Il Consorzio Vino Toscana ha ottenuto il riconoscimento ufficiale dal Ministero dell’Agricoltura.

Il Consorzio si occupa della gestione, tutela, promozione e valorizzazione, informazione del consumatore e cura generale degli interessi del vino Toscana a Indicazione Geografica Tipica. Ne fanno parte i viticoltori, i vinificatori e gli imbottigliatori che rivendicano vino Toscana IGT.

Notizia di questi giorni il riconoscimento ufficiale dal Ministero dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste del Consorzio Vino Toscana Igt. Determinante il raggiungimento i rispetto dei requisiti minimi di rappresentatività, 35% dei produttori e 51% della produzione, ampiamente superati con quote del 39,5 e 58%.

“Sono molto soddisfatto del raggiungimento di questo obiettivo – le dichiarazioni del presidente del Consorzio Vino Toscana Cesare Cecchi – che arriva a coronamento di un intenso periodo di lavoro durato quattro anni; un lavoro complicato perché partivamo quasi da zero e perché abbiamo lavorato due dei quattro anni in pandemia. Ritengo che questo traguardo, raggiunto anche grazie all’impegno profuso dalla Regione Toscana che ringraziamo, sia un punto di partenza, per poter finalmente sviluppare i programmi di gestione, tutela, vigilanza e valorizzazione che i vini Toscana Igt meritano”.

LEGGI ANCHE: Nuovi acquisti per Marchesi Frescobaldi nella maestosa Maremma Toscana

Con l’ottenimento del riconoscimento come unico organismo riconosciuto e di riferimento per tutta la produzione dell’indicazione geografica toscana Igt (valore di 495 milioni di euro, con una ripartizione del 31% sul mercato italiano e 69% destinato all’export) potrà adesso implementare di molto la propria azione a cominciare dalla tutela.

Soddisfatta anche la Regione, con l’assessore all’agricoltura Stefania Saccardi: “Fino dal momento della mia nomina ho seguito assieme ai miei collaboratori, il lavoro che il Consorzio Vino Toscana stava facendo, ho affiancato e supportato il loro impegno e ritengo molto importante il raggiungimento di questo risultato che riguarda ben 4000 produttori di vino che rivendicano Toscana Igt contribuendo non solo alla valorizzazione della nostra agricoltura, a preservare il valore delle nostre campagne ed essere presidio per il territorio ma anche alla valorizzazione del brand Toscana a 360 gradi”.

© Riproduzione riservata