Grappa

In tutta Italia l’amore per la grappa si diffonde sempre più velocemente soprattutto, tra le generazioni più giovani, ovvero Gen Z e Millennials.

Con la grappa è possibile correggere qualsiasi cosa, anche la tristezza“: le parole dello scrittore Fabrizio Caramagna mettono in risalto alla perfezione le qualità del noto distillato. Entrando più nel dettaglio, l’amore per la grappa ha radici lontane. Diverse fonti storiche, come il trattato “De Conficienda Aqua Vitae” redatto dal medico Michele Savonarola da Padova nel XV secolo, attestano l’impiego dell’acquavite a scopo medico prima ancora che la grappa si diffondesse tra i contadini piemontesi, veneti e trentini nel XVI secolo.

Un altro fatto storico di assoluta rilevanza prende forma durante la Prima Guerra Mondiale quando il distillato veniva consumato dagli alpini per sopportare le fatiche dei combattimenti. La svolta arrivò nel secondo dopoguerra quando la grappa, considerata solo ed esclusivamente un prodotto di sostegno e curativo, divenne qualcosa di più ovvero fonte di piacere associata al tempo libero anche tra le classi più agiate. Oggi però il successo della grappa sta diventando inaspettatamente virale tra giovani e giovanissimi grazie al mondo dei social: in particolare su TikTok si contano addirittura oltre 46 milioni di visualizzazioni di video dedicati a questo prodotto, mentre su Instagram sono ben 360mila contenuti pubblicati con l’hashtag #grappa.

Dati interessanti che dimostrano quanto la grappa non sia un distillato destinato esclusivamente a un target maturo, ma anche un prodotto capace di cogliere l’attenzione dei giovani tra i 18 e 25 anni. Ma quali sono le regioni italiane in cui la grappa è più ricercata e apprezzata? Stando ai dati relativi al 2023 messi a disposizione da Google Trends, il Trentino Alto-Adige si aggiudica la prima posizione in classifica, risultando la regione in cui la parola “grappa” viene cercata più spesso sul noto motore di ricerca. Seguono il Veneto () e il Friuli-Venezia Giulia ().

LEGGI ANCHE: Grappa del Trentino: l’annata 2023 all’insegna dell’alta qualità

Un podio che s’inserisce in un contesto in cui la grappa è molto diffusa e apprezzata anche all’estero con una crescita di esportazioni del 32% tra il 2019 e il 2022 per un totale di 60 milioni di euro. È quanto emerge da un approfondimento condotto da Espresso Communication per Mavolo Beverages, realtà di spicco del settore, specializzata nell’importazione e nella distribuzione di champagnespirits e distillati.

E non è tutto: da un’indagine del 2021 a cura di Nomisma è emerso che, sebbene solo il 3% dei consumatori abbia sperimentato cocktail a base di grappanel 35% dei soggetti interessati a provarli rientrano soprattutto i giovani. Infine, il 9% dei consumatori ha acquistato grappa online con valori superiori tra le generazioni più giovani, ovvero Gen Z e Millennials. Ecco, infine, la top 10 delle regioni italiane in cui la grappa è maggiormente apprezzata secondo i dati di Google Trends:

1)       Trentino-Alto Adige

2)       Veneto

3)       Friuli-Venezia Giulia

4)       Valle D’Aosta

5)       Calabria

6)       Basilicata

7)       Lazio

8)       Lombardia

9)       Puglia

10)    Piemonte

© Riproduzione riservata