Sebbene sia ancora un prodotto di nicchia, il più antico brandy francese, l’Armagnac, sta attraversando un momento di grande interesse da parte dei consumatori. Uno dei motivi è il suo forte legame con l’”artigianalità” e la tradizione.

Secondo l’IWSR Drinks Market Analysis, i mercati più importanti per l’Armagnac sono Francia, Regno Unito, Russia e Stati Uniti, oltre al travel retail. Di questi mercati, il travel retail dovrebbe essere quello con più forte crescita  in volume nel periodo di previsione 2022-2027. I volumi globali di Armagnac hanno un CAGR del 3% nel periodo.

Il Cognac è il gigante della famiglia dei brandy, essendo più conosciuto come brandy francese e molto più popolare dell’Armagnac. Ma quest’ultimo sta avendo un inedito successo nella miscelazione, grazie alle caratteristiche dei suoi aromi e alla sua morbidezza.

Come ha riscontrato l’IWSR, gli Stati Uniti sono un nuovo mercato chiave per l’Armagnac, con prodotti pensati ad hoc, come un Armagnac invecchiato in botti di whisky Islay. Si tratta di una pratica contraria alle regole di produzione della Doc (non può essere chiamato Armagnac, se non invecchia in botti di rovere francese) ma incontra il favore dei giovani consumatori.

LEGGI ANCHE: Il mondo dei distillati: 8 errori da evitare per una corretta degustazione

Amanda Garnham, in precedenza al Bureau National Interprofessionnel de l’Armagnac, lo spiega così: “C’è una nuova generazione di produttori di Armagnac sulla mappa. Nel 2003, il 60% dell’Armagnac veniva consumato sul mercato interno e il 40% veniva esportato; ora la situazione è completamente cambiata. Questo ha molto a che fare con il fatto che le case produttrici sono ora molto più dinamiche in termini di forze di vendita, e si tratta di una generazione diversa”.

L’Armagnac sta diventando una base più riconosciuta per i cocktail grazie al suo profilo dinamico. Come affermano alcuni barman, con una bottiglia di Blanche “si possono praticamente replicare tutti i cocktail esistenti a base di Gin, Vodka, Cognac, Whisky e Rum. Ma la complessità e la scelta di sapori che si possono ricavare dall’Armagnac fanno sì che vengano preparati centinaia di nuovi cocktail basati su questo distillato”.

© Riproduzione riservata