Serena Guarrera e Sebastiano Vinci

Grande successo per l’azienda vitivinicola MeCori, sita in Contrada Muganazzi a Solicchiata nel versante nord del vulcano Etna, protagonista al Decanter World Wine Awards con i massimi riconoscimenti.

Decanter, il prestigioso giornale online nel settore del vino, ha pubblicato i risultati del Decanter World Wine Awards. La competizione del 2023 ha visto riunirsi un’influente troupe di 236 esperti di vino, tra cui 53 Masters of Wine e 16 Master Sommelier, provenienti da 30 nazioni. Con oltre 100 giudici stranieri e talentuosi specialisti regionali concentrati su cosa c’è nel bicchiere, i risultati di DWWA offrono ai consumatori e al commercio una guida affidabile al dinamico mondo del vino.

Tra i protagonisti di quest’edizione una giovane azienda vitivinicola siciliana MeCori, nata da una tesi di laurea e da un sogno di vita condiviso di Serena Guarrera e Sebastiano Vinci, che è riuscita ad affermarsi sulla scena internazionale conquistando ben due riconoscimenti ai “Decanter World Wine Awards”, il concorso vinicolo più importante al mondo. Il vino rosso “DUO” si aggiudica la Medaglia Platinum e il “Best in Show”, il massimo riconoscimento dei DWWA con un punteggio di 97.

Orgogliosi ed emozionati per la vittoria, Serena e Sebastiano aggiungono: “Un importante traguardo, una grandissima emozione che rafforza la nostra idea di vino dell’Etna. Dietro il nostro DUO c’è davvero tanto impegno e dedizione per portare avanti un progetto di qualità in cui il focus principale è valorizzare il nostro magnifico territorio. Oggi capiamo che la direzione intrapresa è quella giusta e che il tempo ripaga i sacrifici. Mecori, il nostro sogno, non si ferma qui. Abbiamo ancora tanto da raccontare e da esprimere. #neverstopdreaming” – concludono i due produttori.

Si tratta di un’azienda vitivinicola green dal cuore giovane ma dalle solide e antiche radici. I due giovani ragazzi, dopo le esperienze in Italia e all’estero, ritornano nella loro terra per mettere in pratica il loro progetto, divenuto poi la loro azienda: “Mecori”, nome che viene dall’espressione in lingua siciliana “Mio cuore”.

L’idea è quella di creare prodotti di altissimo pregio nel totale rispetto della natura. A partire da questo principio, la coppia, nel lavoro e nella vita, ha deciso di applicare delle strategie aziendali green.

“Non abbiamo mai stravolto la conformazione del terreno ma abbiamo cercato di arricchire la proprietà perché abbiamo grande rispetto della Terra – dichiara Sebastiano Vinci – .Siamo in conversione biologico e, partendo dal vino, ci siamo posti una domanda: Cosa vogliamo realizzare con questo prodotto? La risposta è stata: massimizzare l’interazione fra vitigno e territorio. Per questo motivo abbiamo deciso di fare una vinificazione delle nostre uve totalmente in acciaio.”

LEGGI ANCHE: Al Decanter World Wine Awards 2022 un vino siciliano ottiene il punteggio record

DUO

“Il nostro vino si chiama “DUO”, perché viene prodotto a partire dal blend delle due cultivar autoctone: il Nerello mascalese e il Nerello cappuccio. Questo lo esprimiamo anche tramite l’etichetta che rappresenta un acino di uva in cui si ha la pienezza del Nerello mascalese (85% circa) e le sfumature del Nerello cappuccio (15% circa). – continua Serena Guarrera – Non solo ma esso rappresenta anche noi che siamo due anime in un unico segno, due parti che non combaciano perfettamente ma che si uniscono per creare un’altra forma che esalta le peculiarità di entrambi. La produzione del nostro Duo avviene nel rispetto del territorio con lavorazioni minime, manuali e puntuali per le reali esigenze delle piante al fine di ridurre l’impatto ambientale e garantire l’eccellenza qualitativa dei vini.”

L’idea che sta alla base di questo vino è che devono parlare le uve e il territorio, mantenendo la freschezza del Versante Nord dell’Etna, il versante più fresco, e preservando l’eleganza del Nerello Mascalese. Tre le annate prodotte dalla giovane ma già apprezzata azienda, la 2020, la 2021 e la 2022.

© Riproduzione riservata