Monza Wine Experience

Il prossimo 12 novembre alla Villa Reale di Monza è in programma L’Eccellenza in Villa, la prima degustazione aperta al pubblico dei più rari e costosi vini italiani.

L’evento si svolgerà all’interno della manifestazione enologica della capitale briantea Monza Wine Experience, dedicata al vino di qualità, giunta quest’anno alla sua quinta edizione. L’edizione di quest’anno avrà inizio l’11 e terminerà il 17 settembre 2023, nel pieno periodo della vendemmia.

Nei saloni della Villa Reale di Monza, con il Patrocinio della Provincia Monza e Brianza del Comune di Monza e in collaborazione con il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza e Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, si terrà una walk around tasting alla presenza degli stessi produttori ai quali andrà l’onore di raccontare ai partecipanti i segreti di questi gioielli dell’enologia italiana. 

Tra le bottiglie in degustazione sono presenti i migliori Fine Wine italiani come Sassicaia (miglior vino del mondo 2015 Wine Spectator), Marroneto (due volte 100/100 Robert Parker), Roagna (due volte 100/100 Decanter), Burlotto Monvigliero (100/100 Robert Parker), Trinoro (100/100 Robert Parker), Montevertine, Ornellaia e la prima uscita in esclusiva di Solaia 2020, rilasciato sul mercato appena il mese scorso.

QUI per scoprire le oltre 60 etichette di vini rari e pregiati, tra i quali diversi 100/100 della Penisola, riuniti in un walk around tasting unico nel suo genere.

LEGGI ANCHE: I grandi vini di Langa della Cantina Terre del Barolo primi tra cooperative Italia

Accanto a questa selezione, ci sarà una sala dedicata al Barolo, organizzata dalla Strada del Barolo, con un banco d’assaggio con alcune delle migliori Mga (Menzioni geografiche aggiuntive) delle Langhe e con alcuni tra i produttori più rinomati della denominazione: Aurelio Settimo, Barolo Rocche dell’Annunziata 2018; Costa di Bussia, Barolo Bussia 2018; Ettore Germano, Barolo Cerretta  2018; Marchesi di Barolo, Barolo Sarmassa  2018; Sara Vezza, Barolo Ravera 2018; e Sordo, Barolo Monvigliero 2018.

A selezionare i vini sono stati il palato e la sensibilità di Aldo Fiordelli, giornalista e critico enogastronomico di Decanter, una delle testate del vino più importanti al mondo, membro corrispondente dell’Accademia italiana della vite e del vino e collaboratore di Rcs e di Civiltà del bere. 

Un evento imperdibile per tutti coloro che vogliono regalarsi l’opportunità di incontrare l’élite delle referenze italiane.

© Riproduzione riservata