Domaine Roy & fils

Marchesi Frescobaldi, famiglia storica della viticoltura di Toscana, continua a far parlare di sé con una grande novità. La famiglia annuncia di aver firmato un accordo definitivo per l’acquisizione di Domaine Roy & fils, produttore vitivinicolo in Oregon, nel cuore della Willamette Valley.

Dopo Tenuta Ammiraglia e l’acquisto della Tenuta Poggio Verrano (Montiano, Grosseto) è arrivato il momento per una delle famiglie più note del mondo vitivinicolo italiano, Marchesi Frescobaldi, di investire anche negli Stati Uniti e precisamente in Oregon.

“A questo punto della nostra espansione – ha commentato il presidente di Marchesi Frescobaldi, Lamberto Frescobaldi abbiamo colto l’opportunità di acquisire la stupenda tenuta Domaine Roy & fils, una delle migliori regioni al mondo per la coltivazione del Pinot nero. Diventare parte di questa comunità è un sogno che diventa realtà. Vorrei ringraziare a nome della famiglia Frescobaldi Marc-Andre’ Roy per averci offerto questa opportunità in Oregon per fare quello che sappiamo fare meglio, coltivare bellissimi vigneti, produrre vini e offrire ai nostri clienti prodotti iconici”.

LEGGI ANCHE: Nuovi acquisti per Marchesi Frescobaldi nella maestosa Maremma Toscana

Un acquisto dunque degno di nota nel cuore della Willamette Valley dove si trova la Domaine Roy & fils fondata nel 2012 da Marc-Andre’ Roy con l’enologo Jared Etzel per celebrare la loro eredità e continuare la storia vinicola dei loro padri, Robert Roy e Michael Etzel, che hanno fondato la Beaux Frères Winery nel 1991.

Domaine Roy & fils

Oltre 20 anni dopo, le due famiglie hanno mantenuto lo stesso obiettivo di produrre vino senza tempo attraverso un lavoro meticoloso dei vigneti di proprietà, per esprimere l’eccellenza qualitativa territoriale del Pinot Nero e Chardonnay dell’Oregon.

Marc-André Roy resterà in Domaine Roy & fils come membro del Consiglio di Amministrazione e come azionista di minoranza. “Siamo onorati ed entusiasti di accogliere la famiglia Frescobaldi come nuovi proprietari della Domaine Roy & fils” ha dichiarato Marc-André Roy.

Con lo sviluppo in piena maturità degli ultimi vigneti impiantati la tenuta si sviluppa su 40 acri (circa 16 ettari di cui 14 a Pinot Nero e 2 a Chardonnay) coltivati con metodo 100% biologico in due località: uno situato nelle Dundee Hills, l’epicentro della Willamette Valley l’Iron Filbert Vineyard, un ex noccioleto con tredici acri ad alta densità di Pinot Nero e due acri di Chardonnay, coltivati ​​biologicamente; circondato dalla savana di querce a sud e ad est, il vigneto Quartz Acorn è stato piantato a ventuno acri di Pinot Noir e tre acri di Chardonnay, sempre biologico.

LEGGI ANCHE: Nuovi acquisti per Marchesi Frescobaldi nella maestosa Maremma Toscana

Domaine Roy & fils, interno

Con un approccio enologico minimalista e un impegno per l’agricoltura biologica, i loro vini mostrano una piena espressione di annata e terroir. I principi di costruzione includono fermentazioni di lieviti autoctoni, interventi artigianali minimi e vini non filtrati.

La tenuta è una struttura composta di due piani, completata nel 2015 e vede la firma di design della Waterleaf Architecture. La cantina utilizza l’effetto di raffreddamento naturale del terreno ed è stata disegnata per una naturale circolazione dell’aria. Al suo interno è caratterizzata da linee simmetriche e l’uso di materiali naturali come il legno di recupero in perfetta combinazione con l’ambiente naturale circostante a partire dalle spettacolari viste panoramiche sulle colline di Dundee, sulla Yamhill Valley e sulla catena costiera. 

© Riproduzione riservata