CVA Canicattì

Primo maggio in cantina con CVA Canicattì, una grande festa collettiva per ritrovare la convivialità e i valori della partecipazione popolare.

CVA Canicattì (AG) ha sempre messo in rilievo il ruolo cardine della comunità: quella degli oltre 300 soci che contribuiscono all’esistenza della cooperativa, ma anche quella di winelover e consumatori dei vini di CVA, ed ovviamente di chi vive a contatto con i medesimi terroir in cui l’azienda lavora e produce.

Sarà proprio questa vasta comunità, infatti, protagonista di un Primo maggio enoico, ribadendo la centralità del lavoro e dello spirito cooperativo che ha sempre distinto questa piccola ma prestigiosa cantina sociale, oggi punto di riferimento del vino di qualità nel territorio agrigentino, con un forte legame con il Parco Archeologico della Valle dei Templi e la sua natura agricola identitaria. Una grande festa collettiva, con musica dal vivo, buon cibo e, soprattutto, il buon vino prodotto dell’azienda. Un’occasione per celebrare la cultura del lavoro, un pilastro portante della filosofia di CVA, nonché per mettere in pratica quei valori di collaborazione reciproca e sostenibilità socio-economica che legano l’azienda e la comunità dell’agrigentino, fatta di cittadini, di aziende, di eccellenze produttive.

Giovanni Greco

“Il lavoro è un valore sacro per la nostra comunità – spiega Giovanni Greco, Presidente della Cooperativa agrigentina – e sul lavoro abbiamo edificato la nostra credibilità produttiva ed aziendale. Siamo una piccola realtà del vino siciliano di qualità che non ha mai rinunciato alla propria storia e identità, di cui andiamo fieri e non soltanto per i risultati economici e produttivi raggiunti, ma per i principi che da sempre ci ispirano e ci guidano nei rapporti con il mercato, con i consumatori, con i nostri soci coltivatori. È questo il patrimonio su cui possiamo contare“.

LEGGI ANCHE: Il Grillo stupisce ancora: al CMB Gran Medaglia d’Oro mondiale per il Fileno CVA

CVA Canicattì, lunedì primo maggio, non mancherà di offrire in degustazione la maggior parte delle etichette della propria gamma dei vini, dal pluripremiato Fileno Grillo in purezza, passando per 1934, omaggio a Pirandello, blend di Chardonnay e Grillo e Diodoros, un autentico matrimonio d’amore tra Nero D’Avola, Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio: il vino sarà l’ingrediente principale di una giornata dedicata allla solidarietà, allo spirito mutualistico della cooperazione oltre che al gusto dei sapori agrigentini e alla convivialità.

Prenderanno inoltre parte alle attività della giornata diverse aziende e professionalità locali come lo chef del ristorante afro-senegalese GingerMareme Cisse ed uno tra i migliori sei macellai al mondo, Gianni Giardina. Non mancheranno la pasticceria ed i gelati artigianali di Dolcemente Carusotto e il tipico street food siciliano ed i panini di Facefood, di Ferrante Bannera e dell’Apizza di Michele Bellavia, la cui pizza al forno a legna su “tre ruote” è diventata, nel tempo, un’istituzione locale.

Durante l’arco della giornata si alterneranno il cantautore, musicista e scrittore Salvatore Nocera Bracco, il produttore indipendente e sound engineer Armando Cacciatoi Malarazza 100% Terrone, con il loro stile unico e personale folk-rock; infine ci saranno gli Skapò, con il loro repertorio di musica nazionale ed internazionale e, infine, un tuffo negli anni ’70 – ’80 con la Disco Dance dei Groonyl.

Per info, costi e prenotazioni, scrivere a info@cvacanicatti.it o contattare i numeri 327 3075 662; 338 7985 992; 338 7976 805; 0922 829 371.

© Riproduzione riservata