Si stappa a la volée

Sicilia in Bolle, la manifestazione di Ais Sicilia dedicata alle bollicine, con la nona edizione ormai ha raggiunto un grado di autorevolezza e di successo dovuti all’esperienza accumulata dagli organizzatori guidati da Francesco Baldacchino, che dopo aver diretto dal 2014 la delegazione di Agrigento, si ritrova da un anno a presiedere la sezione siciliana.

Il merito di Baldacchino viene amplificato dal coinvolgimento di tutte le delegazioni isolane che si propongono con le migliori professionalità che stanno alla base del successo.

Visti gli incrementi di vendita delle bollicine negli ultimi anni, viene spontaneo chiedersi se viene prima l’uovo o la gallina, cioè, nel nostro caso, se Sicilia in Bolle sia stato uno dei motori per l’affermazione di spumanti e frizzanti o sono stati questi ultimi a far crescere la manifestazione. Basti considerare che in questi 10 anni si è passati da 250 mila a 1,5 milioni di bottiglie. Ad ognuno la risposta.

La formula di Sicilia in Bolle è ormai collaudata; nei 3 giorni il programma prevede:

a) varie masterclass che giustamente escono anche dai confini regionali per mettere a confronto gli spumanti siciliani con i più blasonati nazionali ed esteri,

b) un paio di tavole rotonde a cui partecipano giornalisti e protagonisti del settore,

c) uno o più concorsi regionali,

d) una cena di gala e infine, il momento culminante, il banco d’assaggio dove tante cantine siciliane presentano ad un folto pubblico di appassionati le loro bollicine, assieme alle aziende fuori isola che hanno partecipato alle masterclass.

I banchi d’assaggio

Anche le location sono ormai definite: il Ristorante Madison di Realmonte, un’ampia ed elegante struttura dominante la famosa Scala dei Turchi, specializzata in banchetti che con le sue sale e gli ampi spazi all’aperto ha permesso lo svolgimento efficace della manifestazione e da quest’anno Case Barbadoro, struttura rurale dell’Ente Parco della Valle dei Templi di Agrigento, sotto il tempio della Concordia.

Questo nel dettaglio lo svolgimento della manifestazione:

Sabato 24 Giugno. Casa Barbadoro Valle dei Templi Agrigento

Masterclass: “CONTINENTE SICILIA: L’ESPRESSIONE SPUMANTISTICA DEI VARI TERROIR” che ha visto relatori Luigi Salvo delegato Ais Palermo e giornalista di vinup.it e Fabio Gulino, delegato Ais Ragusa. Seguito da un buffet al tramonto.

Domenica 25 Giugno. Madison Restaurant Realmonte – Scala dei Turchi

Masterclass: “PINOT NERO DELL’OLTREPO PAVESE: ANIMA EFFERVESCENTE”

Condotta dalla giovane ma già comunicativa delegata Ais di Pavia Miriam Prencisvalle che ha immerso il pubblico nel mondo del Pinot Noir di questa nota zona italiana dedicata agli spumanti metodo classico. Miriam ha guidato la degustazione di 6 spumanti tra cui un 120 mesi sui lieviti di La Versa.

Masterclass “BOLLICINE DI PUGLIA IN TRINACRIA: VIAGGIO ATTRAVERSO LE CALDE EFFERVESCENZE SICULO-PUGLIESI”
Illustrata a 4 mani da Orazio Di Maria, responsabile siciliano della guida Vitae dell’Ais e da Amedeo Renzulli, delegato Ais di Foggia. Si sono degustati i siciliani: Federico II di Milazzo, Sua Altezza 650 di Tenute Lombardo, Almerita Rosè di Tasca D’Almerita, Extra Brut di Murgo, Terzavia VS di Marco De Bartoli messi a confronto con il Brut Rosè di Polvanera, Sumarè di Tenute Rubino, Pas Dosè Bombimo Bianco di Pisan Battel, Four Roses Brut di Leone De Castris, Sansevieria Rosè di D’Araprì.

Federico II spumante di punta di G.Milazzo

LEGGI ANCHE: G.Milazzo, la cantina storica degli spumanti metodo classico siciliani

Masterclass “SFUMATURE DI BOLLICINE: VIAGGIO DALLA CHAMPAGNE ALLA GRAN BRETAGNA”

Federico Almagno e Antonio Cataldi di Gusto e Degusto, azienda che importa e distribuisce piccole Maison di Champagne e alcune cantine inglesi specializzate negli spumanti metodo classico, ci hanno fatto conoscere delle realtà produttive di nicchia e qualità.

La sera presso le Case Barbadoro nella Valle dei Templi di Agrigento si è svolta la Cena di Gala curata dagli chef Claudio Ruta stella Michelin 2010 nel ristorante La Fenice di Ragusa, ora executive del ristorante del Pietre Nere Resort di Modica-Cava d’Ispica e Salvatore Gambuzza del bistrot gourmet Donna Floriana del Resort Torre del Barone a Sciacca. Una cena impeccabile, originale, gustosa che ha fatto apprezzare agli astanti la professionalità e la fantasia dei cuochi.

Claudio Ruta, Francesco Baldacchino, Salvatore Gambuzza

Durante la cena sono stati consegnati i premi Alberto Gino Grillo ai vini che hanno ottenuto i maggiori punteggi nella guida Vitae:

  • Calamossa Mandrarossa: miglior vino frizzante.
  • Frappato brut Rosé Gurrieri: miglior Charmat Rosé.
  • Laví Extra Dry 2021 Colomba Bianca: miglior Charmat bianco.
  • Nero d’Avola extra brut Rosé 2018 Baglio del Cristo di Campobello: miglior Metodo Classico Rosé.
  • Barone Emanuele Pas Dosé 2011 Murgo: miglior Metodo Classico.

Lunedì 26 Giugno. Madison Restaurant Realmonte – Scala dei Turchi

Finale Mixology Contest “Fuori le Bolle”. Cinque giovani barman si sono sfidati a colpi di cocktail a base di alcolici dello sponsor Amara. Ha prevalso Vincenzo Scorsone, bartender dell’Adler Spa e Resort di Siculiana  che ha presentato uno Spritz Mediterraneo a base di arancia e limone, semplice, equilibrato e dissetante.

Vincenzo Scorsone, secondo a sinistra

Masterclass “…IN FONDO AL MAR!” guidata da Laura Piscopo, miglior sommelier Ais Sicilia 2021 e Gioele Micali, responsabile eventi Ais Sicilia e delegato Taormina. Si è parlato e degustato di spumanti affinati in fondo al mare a profondità tra i -20 e i -60 m. Valore aggiunto oppure abile iniziativa commerciale? In ogni caso la sola certezza è che i prezzi di queste bottiglie “marine” sono particolarmente elevati!

Spumanti affinati in mare

Tavola Rotonda.“MILLE BOLLE GREEN PER IL MERCATO DEL FUTURO”. Condotto dal giornalista Gioacchino Bonsignore, direttore della rubrica Gusto del Tg5, ha visto la partecipazione di Baldacchino Francesco Presidente Ais Sicilia, Ismaele La Vardera Deputato ARS, Privitera Camillo Consigliere Nazionale Ais, Micali Gioele Delegato Ais Taormina, Salvo Luigi Delegato Ais Palermo e direttore editoriale di Vinup.it, Mazzeo Raffaele RSM, Tommasi Davide Energy and Sustanibility Manager di Mandrarossa, Prencisvalle Miriam Delegata Ais Pavia, Aprile Gaetano Direttore Generale IRVO, Capraro Felice dirigente IRVO,  Guzzo Tonino Enologo, Raccuglia Giuditta Enologa CVA in rappresentanza di Fondazione SOSTAIN.

Infine, dalle 19, il clou della manifestazione: i Banchi d’assaggio in cui 51 cantine siciliane e 3 non sicule che hanno partecipato a vario titolo all’evento hanno presentato ad un vastissimo pubblico di amatori e appassionati le loro bollicine che accompagnavano varie preparazioni gastronomiche allestite da i cuochi del Madison.

© Riproduzione riservata