Silicon Valley Bank (SVB), una divisione della First Citizens Bank, ha pubblicato il suo 2024 State of the US Wine Industry Report. 

Ampiamente considerato come la principale fonte sulle tendenze di mercato nel segmento del vino premium, il report annuale fornisce una valutazione del settore, un’analisi delle attuali condizioni di mercato e previsioni per l’anno a venire. Il documento si basa su ricerche proprietarie e su dati da sondaggi raccolti tra oltre 500 aziende vinicole negli Stati Uniti

“Ora più che mai, le mutevoli dinamiche del mercato favoriscono le aziende vinicole che si adattano a un contesto di domanda in evoluzione,” ha affermato Rob McMillan, fondatore della divisione vini della Silicon Valley Bank e autore del rapporto. “Le soluzioni al cambiamento della domanda dovrebbero includere la collaborazione in tutto il settore, ma in assenza di ciò, trovare una maggiore efficienza nel marketing e nelle vendite diventerà fondamentale per il successo. Il futuro incremento della domanda dipenderà dalla capacità del settore di attrarre consumatori nuovi e più giovani, di sottrarre quote di mercato ad altri produttori di bevande e cannabis e di contrastare la sovrapproduzione che probabilmente porterà a sconti diffusi su marchi e prezzi poco apprezzati.” 

LEGGI ANCHE: Lo spumante italiano ancora protagonista nel canale On Premise statunitense

Il report 2024 esamina gli ultimi dati su consumi, prezzi, vendite e le strategie di marketing più promettenti del settore vinicolo. Fornisce un’analisi approfondita sulle principali tendenze che incidono sull’industria vinicola statunitense: mentre le vendite di vino dell’intera categoria in volume saranno in calo per il terzo anno consecutivo, le vendite di vini premium di fine anno 2023 si concluderanno probabilmente con un altro anno di crescita positiva del valore; nel 2023 le visite alle sale di degustazione sono state inferiori nel segmento premium, ma si prevede un miglioramento nel 2024; le vendite dirette al consumatore torneranno a crescere modestamente nel 2024; esistono condizioni per una sovrapproduzione nella categoria vino totale, ma l’offerta di scorte è più equilibrata nel segmento premium.

© Riproduzione riservata