Secondo Gallup, società americana di analisi e consulenza con sede a Washington, più della metà della popolazione americana adulta beve alcolici. Diverse sono le variabili che attestano questa importante crescita.

La percentuale di adulti statunitensi di età pari o superiore a 18 anni che afferma di bere alcolici è stata in media del 63% negli ultimi due anni, mentre il 36% si è descritto come “totalmente astemio”. Il tasso di consumo sale fino al 65% se ristretto agli adulti in età legale per bere, che è di 21 anni e oltre a livello nazionale.

Dal 1939, Gallup ha chiesto agli americani se “hanno occasione di far uso di bevande alcoliche come spirits, vino o birra” o se sono “totalmente astemi”. Se si osserva l’intero trend, la percentuale che afferma di bere è scesa fino al 55% (nel 1958) ed è salita fino al 71% (negli anni ’70). Tuttavia, negli ultimi decenni, il tasso di consumo di alcolici negli Stati Uniti si è costantemente attestato vicino alla media a lungo termine del 63%.

LEGGI ANCHE: Il vino è sempre più amato dai giovani ma reclamano più informazioni

L’analisi di Gallup evidenzia inoltre che il consumo di alcolici varia maggiormente in base ai mezzi finanziari disponibili e, in seconda battuta, differisce anche in base all’istruzione, con i laureati i più propensi a riferire di bere. La circostanza che le persone bevano varia anche in modo significativo in base alla loro religione, sebbene il tipo di fede religiosa non sia un fattore discriminante ai fini del consumo.

Nel complesso, i consumatori statunitensi di bevande alcoliche hanno riferito di aver consumato una modesta quantità di alcol nel 2022, con una media di quattro drink a settimana. La cifra sale a sei drink a settimana in media per coloro che sembrano consumatori regolari, definiti come coloro che hanno bevuto almeno un drink nell’ultima settimana. La birra risulta essere ancora in testa, ma con un margine più sottile di quattro punti percentuali sul vino, dal 35% al 31%, secondo il sondaggio del 2022. Nel frattempo, il 30% preferisce gli spirits – un nuovo massimo – e il 3% non esprime preferenze.

Fonte: Federdoc

© Riproduzione riservata