Blume Lounge (Roma)

Blume Lounge riporta in auge la cucina dei cocktail bar con una proposta ricercata e di qualità.

Blume nasce 6 anni fa al laghetto di Tor di Quinto- Roma (per poi spostarsi in Viale di Tor di Quinto 55) da un’idea di Simone Faccenda, titolare del locale, con un’idea semplice ma non per questo meno innovativa: presentare una proposta food & beverage di qualità all’interno di un locale da vivere tutta la notte. Al Blume la mixology è frutto di un’attenta ricerca proprio come la cucina, una cucina tradizionale che riprende i capisaldi della tradizione gastronomica nostrana rielaborando le ricette e stravolgendo i gusti. Se infatti inizialmente i piatti erano pensati come accompagnamento della proposta bar, in origine unica protagonista, adesso vanno di pari passo dando vita ad un’esperienza a 360°.

Il menu si apre con gli antipasti quali burratina fritta nel panko croccante con melanzane su vellutata di pomodoro; carpaccio di manzo alla mediterranea con pesto home made, vele di pane e fili di peperone arrosto; ceviche di salmone. Primi piatti come il risotto con barbabietola, mousse di robiola, zucchine e lime e secondi di pesce o carne tra filetto di salmone cbt in salsa teriyaki e mandorle oppure orecchia d’elefante con songino e pachino; poi contorni e insalate miste e creative. I dolci puntano sulla tradizione con proposte come pavlova, cheesecake, tiramisù e vellutata di mascarpone. Interessante e sfizioso il menu alla carta della cucina pensato per il dopo cena, ideale come accompagnamento per chi voglia stuzzicare qualcosa tra un drink e l’altro: chips di patate, olive ascolane, sticks di patate cacio e pepe, taglieri di salumi e formaggi con miele e composte di frutta, strips di pollo e fiori di zucca.

LEGGI ANCHE: Wine Spectator premia un noto ristorante con il “Best of Award of Excellence”

Dello stesso ampio respiro e valenza è la proposta del Cocktail Bar Blume che vanta la presenza di Emanuele Lo Cascio e Jordy Di Leone. Sono loro infatti che gestiscono e dirigono il bar, occupandosi anche della drink list in continuo aggiornamento così da portare in Zona Tor di Quinto le ultime tendenze e novità in fatto di tecniche di infusione e miscelazione dei drink. La proposta conta ben 70 varietà di gin e 30 di tequila, la signature list invece vede ben 10 signature cocktail e 4 mocktail (alcol free) ispirati al magico mondo DisneyCome la marea la felicità (La bella e la bestia) – Gin alle rose, cordiale ai frutti rossi, sciroppo ai semi di cardamomo, frutti di bosco e tonica; Ti fidi di me? (Aladdin) – Tequila, cordiale al peperone, sciroppo allo zafferano, succo di lime, soda al pompelmo rosa; In fondo al mar (La Sirenetta) – Rum spicy, liquore al cioccolato bianco, succo d’ananas, sciroppo di lamponi, aranciata; Il grillo parlante (Pinocchio) – Irish Whiskey, vermouth rosso, bitter rosso (scorze d’arancia/chiodi di garofano, pimento, menta) macerato per 48 h; Un leone non muore, dorme (Re Leone) – Premix mango, ananas, sciroppo al passion, cocco. Al Blume la mixology viene anche insegnata grazie alla creazione della Scuola di bartending – Blume Academy.

Qui il mondo della notte incontra la ristorazione di qualità, dal servizio in sala attento alle ottime materie prime utilizzate in cucina. Un’eccezione nel panorama capitolino che purtroppo e quasi sempre costringe nello scegliere location diverse tra cena e dopo cena per la serata perfetta. In questo spazio firmato Blume invece l’intrattenimento la fa da padrone coinvolgendo realtà affermate a livello nazionale, Dj set ogni sera con alternanza di alcuni live music nel corso delle serate. Anche l’aperitivo è musicale con l’accompagnamento di una band a cui ne segue un’altra nel dopo cena. La domenica sera poi è la serata dedicata al live music, un momento di relax e divertimento prima di ricominciare la settimana. Blume, con le sue tante sfaccettature, è il posto ideale dove sorseggiare un buon drink, incontrarsi per un aperitivo tra amici, cenare e fermarsi per un ballo a suon di musica live senza rinunciare ad un pre serata di qualità e ricercatezza.

© Riproduzione riservata