Credit photo Douja d'Or

Dall’8 al 17 settembre ad Asti andrà in scena la Douja d’Or, la storica rassegna del vino nel centro storico di Asti tra degustazioni, masterclass, incontri, dibattiti, appuntamenti musicali e mostre d’arte.

Anche quest’anno Asti è pronta ad accogliere il suo folto pubblico nelle piazze, nei cortili e nelle vie del centro storico per una nuova esperienza enogastronomico-culturale, alla scoperta delle eccellenze vinicole del territorio e dei sapori della tradizione.

Ideata nel 1967 dal presidente della Camera di commercio Giovanni Borello, la Douja d’Or da ormai più di cinquant’anni si impegna a promuovere la cultura enologica per far conoscere ed apprezzare il panorama delle migliori produzioni vitivinicole italiane, educando i consumatori nella scelta. Nel dialetto piemontese la “Douja” (dùia), infatti, è l’antico recipiente di terracotta utilizzato per travasare, conservare e servire il vino; aa qui il nome della storica manifestazione che è cresciuta nel tempo fino a diventare l’evento del vino più atteso dell’autunno italiano.

Talk, degustazioni, masterclass, incontri e cene stellate animeranno le storiche location della Douja d’Or: Camera di commercio, Piazza San Secondo, Palazzo Gastaldi, Palazzo Alfieri, Piazza Roma, con i Vermouth e le Grappe, La Cascina del Racconto; e poi letture, mostre, eventi di musica live e spettacoli.

LEGGI ANCHE: Al via la quarta tappa della mostra itinerante del Consorzio Tutela Asti

Masterclass

Alle varie “tappe” della manifestazione è legata una delle novità di quest’anno il “Passport”, una sorta di “passaporto” che sarà rilasciato presso ognuna delle sedi in cui si svolgerà la Douja che oltre a riportare una pratica mappa della manifestazione, contiene una scheda in cui si possono collezionare i timbri che testimoniano l’adesione ad un evento o ad una degustazione.
Tra le novità 2023 il format “I 5 sensi del vino”, con talk ed esperimenti sensoriali per cinque diverse “esperienze” in abbinamento a ognuno dei cinque sensi alla presenza di vari ospiti con la conduzione di Paola Gula (scrittrice e sommelier).

In programma, lunedì 11 settembre, anche una giornata dedicata all’eccellenza della grappa italiana, per premiare i vincitori del 40° concorso nazionale Alambicco d’Oro Anag.

E ancora, sabato 9 settembre, alle 17.30 nel giardino della Caffetteria Mazzetti, la tavola rotonda con tutti i protagonisti della Douja d’Or per un confronto sul panorama vitivinicolo piemontese. Tra gli ospiti Luca Morino, musicista e scrittore torinese.

QUI il programma completo della manifestazione.

© Riproduzione riservata